La polizia sequestra quattro pulmini a Gioiosa

di - 17 febbraio 2018

Gioiosa Marea: sequestrati quattro pullman privi delle autorizzazioni necessarie. Gli Agenti del Distaccamento della Polizia Stradale di Barcellona P.G., nell’ambito dei servizi specifici mirati alla sicurezza della circolazione ed in particolare al controllo dei veicoli adibiti a scuolabus, hanno sottoposto a fermo amministrativo e sospeso dalla circolazione quattro mezzi. In particolare, nella giornata di ieri,

Lotta allo spaccio di stupefacenti. Due arresti e 7 deferiti

di - 5 aprile 2017

Piraino – Nel tardo pomeriggio di lunedì 3 aprile, militari delle Stazioni Carabinieri di Piraino e Gioiosa Marea, nel corso di servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti nel territorio compreso tra i comuni di Piraino e Brolo, traevano in arresto BARATTA Enza, classe 76 e LUPICA Antonio, classe 1980.

A scuola con Paola Mastrocola

di - 8 marzo 2016

Piraino – Continua il ciclo di incontri annuali promosso dall’Istituto Comprensivo di Brolo diretto dalla Prof.ssa Maria Ricciardello, in collaborazione con il Gruppo Culturale Libriamoci  di Brolo e la libreria “Capitolo 18 di Teodoro Cafarelli” di Patti, organizzato nell’ambito del “Progetto Lettura“. Dopo Mariapia Veladiano e Gherardo Colombo gli alunni, gli insegnanti e tutti coloro che

Clima elettorale? Nasce il movimento “Io per Gioiosa”

di - 23 ottobre 2015

Gioiosa Marea – Si è tenuta ieri a Gioiosa Marea la conferenza stampa di Teodoro Lamonica, ex Assessore e politico gioiosano, che ha presentato “Io per Gioiosa”, il nuovo contenitore politico-amministrativo che mira a coinvolgere i gioiosani in un progetto aperto e plurale che, incontrando le necessità, le impellenze locali, possa ridisegnare il futuro dell’intero territorio.

Gioiosa Marea: l’Associazione La Spiga in Tunisia col progetto Euromed

di - 6 ottobre 2013

I paesi arabi come una fabbrica di migranti, le politiche migratorie europee come un fagocitante macello. Barconi carichi di stracci e speranze bloccati alle frontiere europee: da “eroei” della rivoluzione a “clandestini”. Sono alcune delle immagini, la cui attualità è sicuramente indubbia,  con cui i partecipanti del progetto Euromed “Jeunes ramiers aface au voiliers”, provenienti

Close