98zero

Collaborazione scientifica tra il Museo mirtese e l’Università di Palermo

Mirto – E’ stato sottoscritto Venerdì 9 Marzo 2018 un accordo di collaborazione scientifica tra il Museo del Costume e della Moda Siciliana mirtese, e il Dipartimento di Culture e Società dell’Università degli Studi di Palermo.

Il rapporto di collaborazione scientifica tra il Museo del Costume e l’ateneo palermitano, per cui sono previsti 13 articoli da rispettare, rientra nell’ambito delle arti applicate con particolare riferimento alle manifatture tessili artigianali, prodotte in Sicilia dal XVIII al XX secolo.

Il Dipartimento di Culture e Società dell’Università di Palermo ha indicato come responsabile della collaborazione il Prof. Maurizio Vitella, mentre il Museo mirtese ha scelto come proprio rappresentante il Sindaco Maurizio Zingales.

Il Museo del Costume metterà a disposizione il patrimonio, e le collezioni possedute e detenute al suo interno, ferma restando la necessità di garantire l’accesso ai visitatori. Di contro il Dipartimento palermitano garantirà l’accesso al proprio know-how, fornendo idonee indicazioni utili a permettere un’adeguata conservazione dei beni compresi nel patrimonio museale.

Inoltre il Museo di Mirto potrà ospitare gli studenti iscritti ai propri Corsi di studio, i quali saranno chiamati a rispettare le norme di comportamento dei dipendenti pubblici e del Comune mirtese, come previsto dal Codice di comportamento adottato dall’ente. Le due parti in causa si riservano di concordare l’organizzazione di eventi, manifestazioni socio-culturali, didattiche e scientifiche, anche per divulgare gli esiti della loro collaborazione.

Il presente accordo entra in vigore alla data della sua stipulazione e terminerà il 31 Dicembre 2020, con possibilità di rinnovo sulla base di un accordo scritto, approvato dagli organi competenti delle due parti.

Il Comune di Mirto aveva stabilito già, lo scorso anno, una collaborazione scientifica con un’altra sezione dell’Università di Palermo: il Dipartimento di Architettura. Erano stati coinvolti, in questo accordo, i Corsi di Laurea in Disegno Industriale e in Architettura, con l’intento di sviluppare idee progettuali.