98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Omicidio Rottino, ergastolo anche per Enrico Fumia

MESSINA – Ergastolo anche per Enrico Fumia. Il verdetto è stato emesso dalla Corte d’Assise che ha accolto le richieste del PM, Francesco Massara. Secondo le dichiarazioni dei pentiti, Fumia avrebbe avuto un ruolo decisivo nelle fasi dell’omicidio di Antonino Rottino, detto Ninì, avvenuto nel 2006 a Mazzarrà Sant’Andrea.

La vittima pagò a caro prezzo la sua vicinanza al boss Carmelo Bisognano. Rottino fu ucciso nell’agosto del 2006, dopo la festa della Santa Patrona. A freddarlo una scarica di piombo proprio davanti alla sua abitazione.

Ad accusare Fumia furono le rivelazioni dello stesso Bisognano, ma anche quelle di altri collaboratori di giustizia quali Santo Gullo, Carmelo D’Amico e Nunziato Siracusa. Per quell’omicidio è stato già ritenuto colpevole Aldo Nicola Munafò che ha avuto confermato l’ergastolo in cassazione nell’ambito del processo scaturito dall’operazione “Vivaio”. Per quanto concerne la posizione di Fumia, dapprima era stata richiesta l’archiviazione, in quanto le dichiarazioni dei pentiti non apparivano converventi. Il Gup richiese comunque la formulazione dell’accusa e il rinvio a giudizio.

 

 

Continua a leggere altre notizie su
Mazzarrà Sant'Andrea