98zero

Picchiava la sua ex. Arrestato e condannato per direttissima a tre anni di reclusione

Milazzo – 32enne picchia la sua ex. Arrestato dai Carabinieri per violenza privata, violazione di domicilio, lesioni e minaccia. Processato per direttissima e condannato a 3 anni di reclusione.

Tempestivo intervento nella mattinata di domenica, da parte dei Carabinieri della Compagnia di Milazzo, che a conclusione degli accertamenti hanno arrestato un 32enne, residente a Milazzo, in quanto ritenuto responsabile di violenza privata, violazione di domicilio, lesioni e minaccia.

A fare scattare l’intervento dei Carabinieri, una telefonata pervenuta sull’utenza 112 della Centrale Operativa da parte di un privato cittadino che segnalava una lite. Quindi l’immediato intervento dei militari dell’Arma di Milazzo che si trovavano in servizio esterno per la prevenzione dei reati e che raggiungevano in pochi minuti la località segnalata.

I Carabinieri, giunti sul posto, intervenivano all’interno di una privata abitazione, bloccando un uomo e ponendo fine alla sua condotta aggressiva. Dai primi accertamenti emergeva che il 32enne milazzese Salvatore PARASOLE, nel corso delle prime ore di domenica, si era presentato presso la dimora della sua ex convivente, che attualmente abita con la madre ed il suo nuovo compagno, e dopo essersi introdotto all’interno dell’abitazione inveiva contro i presenti aggredendo le due donne e mettendo a soqquadro tutta la casa.

Dalle testimonianze raccolte dai Carabinieri della Stazione di Milazzo, coadiuvati da quelli dell’aliquota radiomobile, si ricostruiva che l’uomo, per motivi di gelosia, aveva aggredito fisicamente le due malcapitate che hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del Pronto Soccorso dell’ospedale di Milazzo e pertanto lo hanno tratto in arresto per i reati di violenza privata lesioni, violazione di domicilio  e minace.

L’uomo, dopo le formalità di rito, su disposizione dell’A.G. della Procura della Repubblica di Barcellona P.G. (ME), tempestivamente informata dai Carabinieri, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Milazzo e, nella mattinata odierna, è stato sottoposto a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Barcellona P.G. ed è stato condannato alla pena di tre anni di reclusione e tradotto presso la Casa Circondariale di Barcellona P.G..

Questo ultimo episodio pone in evidenza come nella realtà quotidiana le condotte violente di genere siano abbastanza diffuse, ed in particolare contro le donne ed i bambini. In tale prospettiva si inquadra la creazione da parte dei Carabinieri di una “Task Force” istituita a livello provinciale con personale appositamente selezionato e formato, inoltre, significativa appare la particolare attenzione profusa dai Carabinieri della Compagnia di Milazzo per la difesa delle vittime vulnerabili, con la creazione di una stanza protetta riservata alle vittime di violenza di genere ed ai minori, uno spazio accogliente ed esclusivo dove denunciare nella massima riservatezza gli abusi subiti.

 

 

Continua a leggere altre notizie su
Milazzo