Cresce l’attesa per l’incontro di giovedì a Santa Lucia del Mela sull’inceneritore

Santa Lucia del Mela – È ancora sul filo del rasoio la Valle del Mela: i cittadini aspettano delle risposte, mentre l’ombra dell’inceneritore pende sempre più sul loro capo. E intanto le amministrazioni locali fanno ciò che possono, all’unisono con le associazioni ambientaliste.

C’è grande attesa per l’incontro che si terrà giovedì a Santa Lucia del Mela. Sarà una sorta di Assemblea Aperta, alla quale parteciperanno le Giunte e i Consigli Comunali di tutti i comuni ricadenti nell’area ad alto rischio ambientale. L’intento, fa sapere il Primo Cittadino luciese, Antonino Campo, da sempre in prima linea per la lotta ambientalista, è quello di fare fronte comune per cercare di fare delle risposte ai cittadini e stabilire le linee guida necessarie per la lotta all’inceneritore. Un unico incontro quindi, con tutte le Giunte ed i Civici Consessi, onde evitare singoli consigli, come quello ad esempio che si è tenuto pochi giorni fa a San Pier Niceto: lì il secondo punto all’ordine del giorni era proprio una mozione contro la realizzazione dell’inceneritore nella Valle del Mela. Tuttavia sono mancate le polemiche: pare infatti che il Sindaco e la Giunta fossero assenti, nonostante il tema da trattare. Il Consiglio, ha votato all’unanimità la mozione contro la proposta di realizzazione dell’inceneritore nella Valle del Mela. Ieri invece si è parlato dell’inceneritore a Barcellona Pozzo di Gotto.

È avvenuto a Milazzo invece, il 13 gennaio, l’incontro con la depurazione regionale locale: di loro c’erano i deputati Pino Galluzzo, Tommaso Calderone e Valentina Zafarana. Tra gli amministratori locali c’erano quelli di Barcellona, Santa Lucia del Mela, San Filippo del Mela, Pace del Mela, Gualtieri Sicaminó, San Pier Niceto, Condrò e Monforte San Giorgio.

Proprio a Milazzo si è cercato di capire qual è la posizione che assume la Regione rispetto all’inceneritore. È proprio la Regione infatti l’ago della bilancia, l’unica a poter fare braccio di ferro con il Governo Centrale per bloccare l’iter per la costruzione dell’inceneritore. Già Crocetta non aveva varato un piano rifiuti valido. Adesso si attendono invece risposte dal Presidente Musumeci.
Adesso quindi si attende l’assemblea del 18 gennaio a Santa Lucia, che si terrà nell’aula consiliare Pietro Nenni.

Print Friendly, PDF & Email



Articoli Correlati

Close