Dopo 50 anni di attese è quasi pronta la nuova sede del liceo Scientifico

Patti – Sembrerebbero ormai in dirittura d’arrivo i lavori di costruzione dell’immobile che dovrà ospitare il nuovo liceo Scientifico.

Dopo la pubblicazione del bando di gara per il reperimento dei locali (24 dicembre 2013), l’aggiudicazione definitiva alla società “Acquafico Srl” (22 marzo 2016) e la stipula del contratto di locazione con patto di riscatto (26 luglio 2016), l’immobile di via Padre Pio sta finalmente per essere completato. All’interno della nuova sede dell’importante istituto scolastico cittadino, smembrato in plessi e succursali da più di mezzo secolo, mancherebbero soltanto gli ascensori e le porte antincendio. È dunque probabile che il trasferimento dei circa 370 alunni dislocati nei due plessi di piazza Gramsci e contrada Rasola potrebbe avvenire già all’inizio del prossimo anno scolastico.

L’accordo raggiunto tra l’ente di Palazzo dei Leoni e la società proprietaria dell’immobile prevede, com’è noto, il pagamento di un canone annuo di 189.500 euro per nove anni, più il versamento di circa 1,9 milioni di euro alla scadenza. Le caratteristiche tecniche soddisfatte dall’impresa prevedono venti aule della superficie minima di 49mq, cinque laboratori di almeno 60mq ciascuno, quattro locali per uffici, quattro gruppi di wc per ogni piano, un bagno per portatori di handicap e una eventuale palestra interna. La superficie complessiva, palestra esclusa, risulta non inferiore ai 2000 mq, così come previsto dallo schema di contratto.

«L’inaugurazione della nuova sede del liceo Scientifico è ormai ad un passo. Ritengo – ha dichiarato il sindaco Aquino – che dopo i necessari collaudi di legge l’immobile possa essere pronto ad ospitare gli alunni in concomitanza con l’inizio del prossimo anno scolastico. Si tratta di un’opera – ha aggiunto il primo cittadino – che l’intero comprensorio attende da oltre cinquant’anni. Parecchie generazioni hanno vissuto il disagio di non poter frequentare una scuola adeguata a quelle che sono le normali esigenze, per cui viviamo questo momento con soddisfazione, orgoglio e riconoscenza per chi ha intrapreso l’iter che ha portato alla realizzazione di questa fondamentale infrastruttura».

Nel frattempo l’amministrazione comunale si è impegnata a prolungare fino a piazza Gramsci la strada di accesso al liceo: «In questo modo – ha spiegato Aquino – renderemo facilmente raggiungibile la scuola dalla stazione ferroviaria e decongestioneremo il traffico di via Fratelli Cervi e corso Matteotti».

Print Friendly, PDF & Email



Articoli Correlati

Close