98zero

Giudice da ragione ad automobilista. Primo ricorso vinto contro lo street control

Sant’Agata Militello – Dopo l’interrogazione presentata dai consiglieri Barbuzza e Befumo la notizia è che è stato vinto il primo ricorso alla contravvenzione contestata da un automobilista contro il rilevamento di velocità in movimento (street control) messo in atto dal corpo di polizia municipale.

“Primo ricorso vinto e tanti altri verbali verranno contestati” esordisce così il consigliere comunale Domenico Barbuzza da noi intervistato che, insieme al collega Befumo, ha presentato nei giorni scorsi una interrogazione all’Amministrazione di Sant’Agata Militello per sapere se il nuovo sistema di controllo della velocità risponda ai regolamenti imposti dal ministero. Sembra siano oltre 700 le contravvenzioni elevate in questi mesi con questo sistema e cioè con una telecamera montata all’interno dell’auto dei vigili urbani che percorre le strade del comune santagatese alla ricerca di automobilisti e centauri indisciplinati.

Interviene sull’argomento anche l’Unione dei Consumatori che denuncia lo stesso disagio dei cittadini di Cefalù. “Le amministrazioni comunali non sanno più cosa inventarsi per fare cassa – denuncia il presidente dell’Unione dei Consumatori Manlio Arnone – prima di attivare metodi che dovrebbero servire da deterrente alle infrazioni stradali è bene mettere una segnaletica chiara ed adeguata, speriamo di non dover assistere ad una impennata dei verbali come è accaduto a Palermo, dopo l’istituzione della ZTL, anche in quel caso avevamo espresso le nostre preoccupazioni, il nostro invito agli automobilisti è di verificare la legittimità dei verbali prima di pagare”.