98zero

Incontro Amministrazione – Carnevale. Quasi strutturato il canovaccio di partenza.

Patti – Il primo giorno feriale seguente le festività natalizie ha accolto già la prima riunione per recepire proposte e volontà di carristi e organizzatori di gruppi mascherati.

Il ricadere anticipato, quest’anno, del carnevale – 9, 11, 13 febbraio – ovvero a un mese esatto dal termine del fermento natalizio, costringerà a dover fare in fretta.

“Poco per un gruppo e pochissimo per un carro”, se ne rende conto il sindaco Aquino, che però confida in quella che rimane l’unica leva del carnevale: l’entusiasmo. Nessun contributo, infatti, potrà ripagare le nottate di lavoro in capannoni freddi e tutto il tempo e le energie sottratti alle attività private.

Tutti al lavoro, dunque, per la 56ᵃ edizione del Gran Carnevale Pattese.

Tra gli argomenti trattati anzitutto le date, riconfermando la terza del venerdì ad aggiunta di quelle della domenica e del martedì. Posto al vaglio l’itinerario per la prima serata, ipotizzando tragitti diversi finanche un percorso a circuito sul lungomare. La risposta degli interlocutori presenti ha ricondotto al mantenimento dell’ormai solito cammino.

Cambiamento richiesto, invece, la riduzione del numero minimo necessario a un gruppo per potersi ufficialmente iscrivere alla sfilata. Lo scorso anno i partecipanti per ciascuno dovevano essere almeno in 25, probabilmente quest’anno saranno sufficienti in 20.

Per il resto, i battibecchi rimangono i soliti, essenzialmente riconducibili a due: saldo contributi che tarda ad arrivare e spazi necessari all’allestimento dei carri che si stentano a trovare. Discussioni che tutti gli anni aprono i lavori, forse di buon auspicio vista poi la riuscita generale dell’evento più atteso dell’anno.

Continua a leggere altre notizie su
Patti