98zero

È un Orlandino l’uomo che ha creato il panico a Santo Stefano

Santo Stefano di Camastra – È un 33enne di Capo d’Orlando che, a bordo della sua Lancia Y, dopo aver forzato un posto di controllo dei carabinieri del Norm della Compagnia di Mistretta ha concluso la sua folle corsa contro altre tre auto auto che lo precedevano per darsi poi alla fuga a piedi.

I militari avevano intimato l’Alt al giovane che, invece di fermarsi, ha iniziato la sua folle corsa sulla SS 113 in direzione Messina. Inseguito dai carabinieri l’auto con a bordo l’orlandino, con precedenti per reati relativi a spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, è finito per schiantarsi sull’autovettura che lo precedeva nella centralissima via Vittoria, a Santo Stefano di Camastra, dopo aver percorso, contromano, la rotatoria nei pressi dello svincolo autostradale della Città delle Ceramiche.

Dopo l’urto il 33enne ha abbandonato l’auto e si è dato alla fuga.

Raggiunto da uno dei due militari è stato fermato dopo una breve colluttazione. I passeggeri dell’auto tamponata sono stati accompagnati al Pronto Soccorso di Sant’Agata Militello per controlli a seguito del trauma causato dal violento dall’impatto.

Il giovane orlandino è stato deferito, dai carabinieri della Compagnia di Mistretta, all’ Autorità Giudiziaria per i reati di: resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, omissione di soccorso e rifiuto di sottoporsi all’alcol e droga test e sanzionato con i verbali previsti dal Codice della Strada: guida contro mano, con patente scaduta, mancata fermata all’Alt, sanzioni che comportano la revoca della patente di guida e circa 10.000 euro di sanzione