98zero

Un giovane atleta di “parkour” ed un “videografo”. Un video per esaltare passioni e Rocca di Capri Leone

Capri Leone – In un giorno d’estate Andrea e Calogero si sono incontrati per dar vita ad un progetto che da li a breve avrebbe suscitato la curiosità e l’interesse di un’intera popolazione.

La follia, l’adrenalina, la forza fisica di Andrea con l’incredibile capacità di Calogero di far rivivere queste emozioni a chi osserva attraverso uno schermo. Come sfondo hanno scelto il loro paese di residenza Rocca di Capri Leone per dimostrare la voglia e la speranza di poter realizzare i propri sogni a casa loro. Calogero e Andrea non escludono altre collaborazioni, magari creando dei lavori di sensibilizzazione, già in passato il parkour è stato usato come spot per una campagna sull’abbattimento delle barriere architettoniche. Del team di Andrea fanno parte anche ragazzi come Alberto Cipriano che ha preso parte a Los Angeles ad un programma, Carmelo Agostino che ha fatto un video sulla sensibilizzazione qualche anno fa, riguardo le barriere architettoniche realizzato dalla Davision dal titolo “Torno Subito”.

Vi siete mai chiesti cosa succede quando due artisti si incontrano e decidono che nonostante essi appartengono a due mondi diversi, vogliono provare a mischiare le loro potenzialità e i loro talenti? Bene questo video risponde dettagliatamente a questa domanda. È apparso qualche mese fa sui social e vede come protagonisti due ragazzi, nati con due talenti distinti e separati, accomunati dalla voglia di far conoscere al mondo intero le loro passioni. E di un paese Rocca di Capri Leone in cui essi vivono.

Andrea giovanissimo ragazzo con la passione per il Parkour, uno sport poco conosciuto, ma che lo ha appassionato dal primo momento in cui l’ha visto praticare. Sono pochi i giovani di oggi che si dedicano allo sport, in particolare questo richiede una grande forza fisica e mentale, viene praticato per di più all’aperto ed in gruppo, si sta diffondendo tra i giovanissimi, difatti Andrea e suoi amici hanno già creato un team chiamato ApksRakasay, per portare in giro questo sport, facendolo conoscere tramite eventi e manifestazioni e per il futuro sperano di potersi avvalere di partnership importanti per la realizzazione di progetti e per L’esordio in tv.

Da una parte c’è quindi un giovanissimo Andrea, dall’altra invece c’è un giovane come Calogero Monachino che della sua passione ne ha fatto una professione, fa il “videografo” un termine che nasce dall’unione di due consuete parole, “video” che dal latino significa vedere, e “grafia” che dal greco significa segno o scrittura. Il “videografo” è colui che analizza conosce e trasmette in segni visuali un processo visivo e visionario, anch’esso sempre più motivato a far conoscere il suo lavoro, così attento ai dettagli da proporre lavori in cui è facile riconoscere la sua firma. Ed è questo uno dei suoi obiettivi principali.