Botta e risposta (sui social) tra sindaco e opposizione sul bilancio a Mistretta

Mistretta – La politica si sa di questi tempi passa sempre più attraverso i social, e anche a Mistretta possiamo ben dirlo. È botta e risposta infatti a colpi di note, videomessaggi e dichiarazioni tra il gruppo consiliare di opposizione “Sosteniamo Mistretta” e il Sindaco del Comune di Mistretta Liborio Porracciolo per la questione che riguarda il bilancio del Comune.

Una questione che sta diventando il tarlo di ogni amastratino, e che è sfociata in un vero e proprio confronto pubblico a colpi di videomessaggi. In principio fu il manifesto trasmesso ieri pomeriggio dal gruppo consiliare “Sosteniamo Mistretta”, attraverso la pagina, dove si può leggere: “Dopo aver negato financo l’evidenza la giovane, allegra e spensierata Amministrazione Poracciolo deve ammettere che quanto denunciato da sempre dal gruppo consiliare Sosteniamo Mistretta era vero. L’amministrazione comunale in carica ha generato un buco di bilancio di oltre 1 milione e 200 mila euro di cui si dovranno far carico i cittadini che ben presto saranno onerati di un consistente aumento di imposte, tasse, addizionali e tariffe. Imposte, tasse, addizionali e tariffe che il sindaco Porraciolo nel suo programma elettorale aveva promesso di diminuire. Per coprire tali debiti la Giunta Porracciolo ha previsto anche l’alienazione e la (S)vendita di beni del patrimonio comunale. Ci chiediamo: perché devono essere i cittadini a dover pagare gli errori degli amministratori?”.

La lettera chiaramente aperta a tutti i cittadini finisce con un interrogativo: ” Fino a quando?”. La risposta del sindaco di Mistretta non si è fatta attendere, e qualche ora più tardi arriva il video sulla pagina del gruppo “Cambia Mistretta”. “Al giorno d’oggi meglio un po’ di allegria e spensieratezza che malvagità e menzogne” afferma prontamente il primo cittadino.

“Quest’amministrazione sarebbe stata colpevolizzata per aver causato 1milione e 200 mila euro nelle casse comunali – continua Porracciolo nel noto videomessaggio – ma il post artatamente predisposto si ferma a questa frase. Di questi 1 milione e 200 mila euro la cittadinanza deve essere informata sul fatto che nel bilancio comunale non trova copertura la somma di 619mila euro come attestato dall’area economico finanziaria, ma trova copertura tutto il resto, tutte le somme residuali. È opportuno, dunque, – spiega dettagliatamente il primo cittadino – che la cittadinanza sia al corrente su chi la generato materialmente questi debiti”. L’allegra e spensierata amministrazione, ma umile e onesta come la definisce Porraccio –“ ha ereditato 381 mila 723 euro debiti per esproprio, 260 mila e 350 di debito Enel, 24 mila sotto la voce altri debiti professionisti, ha ereditato debiti per lavori vari ammontanti a 25 mila euro, e debiti per contenzioso ammontanti a 18 mila euro”. Il tutto per un totale di 710 mila 966 euro.

“Questa amministrazione – conclude Porracciolo – ha ridotto già il debito ereditato di oltre 100 mila euro. Certo è che qualche manovra correttiva di lieve entità dovrà essere effettuata, cosa ben diversa dalla dichiarazione di dissesto”. Il video di circa dodici minuti si chiude con l’invito di Porracciolo a prendere la calcolatrice: “Basta accendere un cellulare e ci possiamo accorgere che 2+2 fa certamente 4, ma 1 milione meno 710 mila euro fa molto meno di quanto ha ereditato da questa amministrazione”. Qualche ora più tardi arriva però la replica del capogruppo di “Sosteniamo Mistretta” Piero Consolato e del consigliere Marisa Antoci. Consolato analizza tutti i debiti ereditati da Porracciolo, gran parte di quello Enel che è stato liquidato durante l’approvazione di bilancio del 2014, riconosce il debito dei 381 mila euro ma mette a conoscenza i cittadini che anche la precedente amministrazione prima di Porracciolo aveva ereditato 1 milione e 800 mila euro con un noto debito risalente al ’94. Parla di “dimenticanze” Consolato e non di debiti fuori bilancio per soli 4000 euro prodotti da questa amministrazione come afferma il sindaco di Mistretta, ma di 453 mila euro generati in questa legislatura riguardanti la mancata copertura finanziaria di servizio di raccolta e smaltimento rifiuti per 5 mesi.  Un fiume in piena il capogruppo di “Sosteniamo Mistretta” per tutta la durata del video messaggio, che si conclude con l’invito rivolto al Sindaco e a tutto il  gruppo ” Cambia Mistretta”, per fare chiarezza e affrontare le problematiche, in un confronto pubblico con “carte alla mano” presso il Cinema Odeon, alla presenza di tutti i cittadini.

Print Friendly, PDF & Email



Articoli Correlati

Close