Ex comandante CC rinviato a giudizio per rivelazione di segreto d’ufficio. Lenzo Russo per favoreggiamento

Il Gup del Tribunale di Patti Ugo Molina ha disposto il rinvio a giudizio per il maresciallo dei Carabinieri Tindaro Chiofalo, ex comandante della stazione di Brolo, difeso dall’avvocato Alessandro Pruiti, con l’accusa di rivelazione di segreto d’ufficio.

Oltre all’ex comandante della stazione dei Carabinieri di Brolo è stato rinviato a giudizio anche Aurelio Lenzo Russo, difeso dall’avvocato Pippo Condipodero, che dovrà rispondere, nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte truffe all’Inps nelle cause al tribunale pattese, di favoreggiamento.

L’inchiesta partì dalle indagini avviate dalla Procura della Repubblica di Patti, a seguito di una serie di esposti anonimi, sulla presunta truffa nel settore previdenziale. L’inchiesta già nel gennaio 2016 aveva mostrato la sua consistenza, dopo il copioso sequestro di atti direttamente presso la sezione lavoro e previdenza del Tribunale pattese.

Tindaro Chiofalo, oggi in pensione, tramite Aurelio Lenzo Russo, avrebbe informato di essere sottoposto alle indagini uno dei medici finiti nel mirino degli inquirenti, Francesco Piscitello.

 

Print Friendly, PDF & Email



Articoli Correlati

Close