Specialista pediatria sospesa, parla il manager Gaetano Sirna: “Mai caso assenteismo così eclatante”

Sant’Agata Militello – Per tre anni non sarebbe mai stata in ambulatorio, ma avrebbe effettuato 1300 visite a bambini false: sospesa per assenteismo pediatra dell’Asp di Messina.

Nelle scorse settimane i finanzieri della Tenenza di Finanza di Sant’Agata di Militello, al comando del tenente  Alessio Alvino, hanno notificato un decreto di sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio per un periodo di dieci mesi a carico di T. P. 59 anni, specialista ambulatoriale, branca di chirurgia pediatrica, con contratto di convenzione a tempo indeterminato con l’azienda sanitaria provinciale di Messina. Il provvedimento è stato emesso nell’ambito di un procedimento penale per truffa ai danni del servizio sanitario, instaurato per condotte di assenteismo, dal Gip del Tribunale di Patti, Eugenio Aliquò, su richiesta del pm Maria Milia. Gli uomini delle Fiamme Gialle  hanno contestualmente proceduto al sequestro preventivo diretto e per equivalente di tre beni immobili e di un veicolo di grossa cilindrata per un importo di 190 mila euro, pari al danno cagionato all’ente pubblico. Non potrà pertanto esercitare la professione medica per dieci mesi la chirurga pediatrica, originaria di Reggio Calabria, che  per anni avrebbe attestato la sua presenza al lavoro in cinque poliambulatori della fascia tirrenica della provincia messinese: Sant’Agata Militello, Capo d’Orlando, Santo Stefano di Camastra, Mistretta e Tortorici, secondo un calendario stilato dalla stessa azienda sanitaria, per complessive trenta ore settimanali.

Con un sistema ben congegnato, la professionista certificava di essere contemporaneamente presente in due comuni della provincia distanti tra loro circa cento chilometri. Tale espediente le avrebbe consentito di poter percepire ulteriori indennità previste per le partecipazioni alle commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile. In altre circostanze, la dottoressa avrebbe presentato un certificato medico attestante uno stato di malattia per giustificare la sua assenza dai poliambulatori, ed invece sarebbe stata presente alla commissione, ottenendo un ulteriore gettone di presenza.  La sospensione è stata resa esecutiva con delibera dello scorso 11 luglio del direttore generale dell’Asp di Messina, Gaetano Sirna : “ Iniziata la procedura disciplinare, “sospesa”, in attesa del procedimento giudiziario”. “ Con delibera del 2012– afferma il manager Sirna- la dottoressa si occupava di prevenzione scolastica, nel 2015- 2016, a seguito di un’ulteriore disposizione di servizio è stata inoltre assegnata all’ufficio vaccinazioni”. “ In passato – prosegue Sirna – si sono verificati altri casi di assenteismo sfociati in licenziamenti, ma mai così eclatanti- attendiamo gli esiti processuali, se dovessero essere accertati  i reati ipotizzati a carico della pediatra, sarà licenziata”.

Print Friendly, PDF & Email



Articoli Correlati

Close