Notte di ferragosto da incubo tra incendi, ingorghi e parcheggi selvaggi – Le foto

Capo d’Orlando – Intorno a mezzanotte, dopo i fuochi d’artificio, è cominciato il caos. Per fortuna nessun mezzo di soccorso è dovuto intervenire, avrebbe avuto seri problemi a districarsi nell’incontrollato e caotico groviglio di automobili che hanno interessato per ore le vie di uscita del paese.

E’ stato un ferragosto difficile per il centro. Una affluenza decisamente massiccia di persone che però, alla disperata ricerca di un parcheggio, ha pensato bene di lasciare la propria auto nei posti più impensati tanto che il deflusso, durante la notte, è stato difficile.

Chiudendo il lungomare Andrea Doria per la consueta “fiera” di ferragosto il numero di stalli è decisamente diminuito creando notevoli disagi. A San Gregorio, sulla Via Libertà, sulla Consolare Antica il caos è stato totale. Auto parcheggiate agli incroci, su stalli disabili, a ridosso di scivoli sui marciapiedi, davanti a passi carrabili, senza controllo nella massima espressione di inciviltà che purtroppo continua a manifestarsi.

E dire che la giornata di ferragosto era cominciata benissimo con una processione a mare molto partecipata, la prima dopo l’inaugurazione del nuovo porto, e molto sentita.

Intorno alle 22.00 però un incendio di vaste proporzioni e spettacolare ha interessato la collina di contrada Muscale per fortuna senza particolari danni e nessun ferito. Le fiamme per tutta la notte hanno interessato una vasta zona di macchia mediterranea che lentamente ha bruciato alberi e sterpaglie.  Questa mattina per oltre due ore un canadair ha effettuato numerosi lanci sulla collina per spegnere i focolai rimasti. Sempre ieri sera le fiamme hanno interessato anche contrada Vina, nei pressi di Villa Piccolo e contrada Bruca ma senza provocare particolari danni.

Print Friendly, PDF & Email



Articoli Correlati

Close