98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

I Sindaci annunciano proteste eclatanti contro la Regione su stabilizzazione precari.

San Salvatore di Fitalia – I Sindaci dei Comuni di Naso, Mirto, Floresta, Alcara Li FUsi, Galati mamertino, Sant’Agata Militello, Tortorici, Capri Leone, Frazzanò, Ucria, Acquedolci, Mistretta, Castell’Umberto, Torrenova, Longi, Sinagra, Militello Rosmarino, San Marco d’Alunzio e San Salvatore di Fiatalia, riuniti in assemblea presso il Comune fitalese, hanno espresso solidarietà a tutta la comunità montana per l’ingiusta riduzione dei trasferimenti dovuti in conseguenza della stabilizzazione del personale precario.

“Unitamente alle organizzazioni sindacali presenti, si legge nel comunicato stampa diffuso dai Sindaci, abbiamo sollecitato la Regione Siciliana al mantenimento degli impegni assunti, anche allo scopo di evitare il dissesto finanziario del Comune di San Salvatore di Fitalia, con conseguente attuazione delle procedure di mobilitò del personale. Con triste rammarico, continuano i sindaci, abbiamo preso atto, ancora una volta, dello stato di indifferenza mostrato dalla Regione Siciliana rispetto alle legittime esigenze dei Comuni. Il gioco, oggi, non vi è solo la problematica del Comune di San Salvatore di Fitalia ma la lesione di quel principio di leale collaborazione tra Enti che, quotidianamente, viene disatteso. E’ triste constatare che l’unico strumento di interlocuzione “politico-istituzionale” rimasto ai Comuni sia solo quello della protesta. I Sindaci, pertanto, auspicano che la Regione Siciliana corregga l’errore commesso attraverso l’erogazione del contributo dovuto. Diversamente annunciano sin da ora azioni di protesta eclatanti. Manifestano tutta la vicinanza ai dipendenti del Comune fitalese che oggi si recheranno, insieme a tutta l’Amministrazione Comunale, davanti alla sede dell’Assemblea Regionale Siciliana per protestare”.

 

Continua a leggere altre notizie su
San Salvatore di F.