98zero

Un successo la 23° giornata nazionale della Colletta Alimentare

Sant’Agata Militello – Sabato  è stato il giorno della #Colletta19 e gli 8.900 volontari del Banco Alimentare della Sicilia Onlus hanno regalato un sorriso, distribuendo un volantino, accogliendo e riponendo  negli scatoloni alimenti a lunga conservazione o per bambini, olio o tonno in scatola.

Si è trattato della 23° Giornata Nazionale della Colletta Alimentare (GNCA) promossa dalla Fondazione Banco Alimentare. Un’iniziativa che anno dopo anno, in un solo sabato, mostra a tutti come viene aiutato più di un milione e mezzo di persone in tutta Italia – 226.000 in Sicilia – in ciascuno degli altri 364 giorni dell’anno. Un impegno costante che arriva, attraverso le strutture caritative convenzionate con il Banco, a più di 345mila minori in tutta Italia (40mila bambini da 0 a 15 anni in Sicilia).

Se il numero dei piccoli sorprende, c’è un altro dato che potrebbe suscitare stupore: il 69% dei nuovi utenti che si sono rivolti all’Help Center, per chiedere un pasto o un letto per la notte, ha dai 30 ai 49 anni, è coniugato ed è in cerca di nuova occupazione (Fonte: Primo Report Servizi Caritas 2018).Nella provincia di Messina sono stati 127 supermercati (51 solo nel capoluogoche accoglieranno i 1300 volontari del Banco Alimentare della Sicilia Onlus – ragazze e ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado, appartenenti a Movimenti, Associazioni o Enti Caritativi – che inviteranno i consumatori a donare qualcosa per chi ha bisogno. I prodotti raccolti verranno inscatolati in base alla tipologia e poi consegnati alle strutture caritative convenzionate. Saranno queste ultime infatti a distribuire gli alimenti ai propri assistiti. Nella scorsa edizione, in provincia di Messina, sono stati raccolti 58.360 kg di alimenti, di cui 27.786 kg nella sola città di Messina. Il cibo è stato poi assegnato alle 69 strutture convenzionate che assistono 13.068 persone, di questi moltissimi sono bambini.

La GNCA è un’occasione privilegiata per tornare ad assaporare il valore del cibo come dono della carità e della condivisione: donando un po’ del proprio tempo, un sorriso o un pacco di pasta a chi in questo momento non li ha. L’invito a partecipare alla #Colletta19 vuole contribuire a stimolare quel sentimento di profonda umanità che, mai sopito, sempre e comunque dimora in noi. Il gesto della Colletta, unito all’attività quotidiana di Banco Alimentare, contribuisce concretamente al raggiungimento del goal 2 – sconfiggere la fame – dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Le donazioni di alimenti ricevute il 30 novembre andranno a integrare quanto il Banco Alimentare recupera quotidianamente, combattendo lo spreco di cibo. Nel 2018, grazie all’efficienza anche logistica delle 21 sedi regionali di cui si compone la Rete Banco Alimentare, sono state distribuite oltre 90 mila tonnellate di cibo. In provincia di Messina, il Portico di Salomone guidato da Carmelo Corica è da Maria Antonietta Farina , con l’ausilio degli studenti delle quinte classi dell’istituto tecnico e di innumerevoli volontari anche appartenenti a sodalizi di servizio del territorio, ha allestito 7 punti di raccolta  a Sant’Agata , 2 a Torrenova e 2 ad Acquedolci. Anche quest’anno è stato possibile aderire alla #Colletta19 facendola spesa online sulle piattaforme di alcune insegne della grande distribuzione. Sarà possibile sostenere la Colletta Alimentare anche con l’sms solidale al numero 45582 attivo fino al 10 dicembre (il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali. Sarà di 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile, e di 5 o 10 euro da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb, e Tiscali).

Continua a leggere altre notizie su
Sant'Agata M.llo