98zero

Tanta attesa per il big match di Promozione tra Acquedolci e Igea

Acquedolci – Ormai ci siamo. Meno due giorni allo scontro-diretto con l’Igea. In quello che potrebbe essere uno dei due appuntamenti dell’anno per l’Acquedolci, la sensazione è che la formazione di Pippo Perdicucci arrivi godendo di ottima salute ma soprattutto con il primato in classifica.

Vantaggio importante questo perché permetterà ai neroverdi di avere due risultati su tre per mantenere (almeno) il primato in classifica o addirittura portare a 5 i punti di vantaggio sulla formazione di Furnari (nell’ipotesi che venga centrata la vittoria domenica e venga assegnato agli acquedolcesi il 3-0 a tavolino con il Rocca di Caprileone).

A quasi un anno di distanza dallo scontro-diretto con la Cefaledhium, per i biancoverdi si ripresenta infatti un’altra possibilità di fare il salto di qualità e acquisire ulteriore stima e consapevolezza dei propri mezzi. Se il confronto con i palermitani nel dicembre 2018 era terminato con uno 0-0 che non aveva alterato la situazione di classifica, domenica in casa Acquedolci si spera che l’esito possa essere diverso.

Di contro però ci sarà un avversario pari (o quasi) al valore tecnico, al blasone e alla tradizione calcistica della formazione palermitana. Conseguenza vuole quindi di un incontro che si preannuncia incerto, equilibrato e che potrebbe essere deciso anche dalla giocata di un singolo. Quel che è certo è che gli acquedolcesi arrivino forse più preparati rispetto alle precedenti occasioni, grazie soprattutto all’aver acquisito, in quest’anno o poco più di Promozione, quella giusta esperienza nell’abituarsi a giocare questo tipo di partite senza accusare eccessive pressioni. Ancora 48 ore o poco più di attesa prima dell’evento con l’Igea.

Continua a leggere altre notizie su
Acquedolci