98zero

L’Igea torna alla vittoria in un clima surreale. Commosso ricordo delle vittime di Femminamorta

Barcellona – L’Igea riprende la sua marcia con quattro reti al Sinagra. Una vittoria che passa in secondo piano perché il contorno si prende tutta la scena.

Il D’Alcontres – Barone è poco lontano dal luogo della tragedia di mercoledì scorso. I nomi delle vittime della strage di Femminamorta, ricordati negli striscioni dei tifosi. Niente tamburi, niente cori. Un rispettoso e doveroso silenzio prima, durante e dopo la partita. Un minuto di raccoglimento intenso, sentito, vibrante. E quella raccolta fondi cui danno una mano sostanziosa i tifosi del Sinagra. La società igeana li ha ufficialmente ringraziati per lo splendido gesto.

Quanto alla cronaca, l’Igea fallisce in avvio con Mondello un calcio di rigore concesso per fallo di Spinella su La Spada. Il vantaggio è cosa fatta al 25′ con un diagonale di La spada. Raddoppia Leo quattro minuti più tardi, risolvendo una mischia. Terza rete di Genovese al 44′ con dedica alle vittime di Femminamorta. Il poker giunge nella ripresa ancora con La Spada, il quale gira di testa a rete un perfetto cross di D’Anna.

Proprio D’Anna dopo la partita ha voluto ringraziare il Sinagra e i suoi tifosi per lo straordinario gesto compiuto con un post su Facebook: “In una grigia e funerea giornata di sport e di voglia di “giocare una partita di calcio”, vorrei ringraziare sentitamente, a nome di tutta la squadra dell’ A.S.D. Igea 1946, la società e i calciatori del Sinagra Calcio per il suggestivo contributo devoluto alle famiglie delle vittime della tragedia che, qualche giorno fa, ha profondamente percosso la nostra città. Che questo significativo gesto venga celebrato, mitizzato e riconosciuto in tutto il mondo ( non solo dello sport) e che diventi d’esempio per tutto il genere umano, ormai scarno di valori umani, religiosi e morali. Voi, più di molti altri concittadini, avete saputo onorare questo, per noi tristissimo, momento.
Grazie Sinagra.
Onore a voi.”

Continua a leggere altre notizie su
Barcellona