98zero

L’ex giunta Accorinti diserta confronto con Amministrazione. De Luca: «Vergogna», Signorino: «Tentativi rissa inutili»

Messina – Era fissato per oggi il faccia a faccia tra il primo cittadino Cateno De Luca e l’ex giunta Accorinti. Ma come annunciato già da tempo, nessun esponente dell’ex sindaco si è presentato oggi all’appuntamento. E così all’interno di un salone delle bandiere praticamente vuoto, alla sola presenza di qualche assessore e dei giornalisti intervenuti, l’attuale inquilino di palazzo Zanca ha lanciato i suoi strali contro gli ex assessori e l’ex padrone di casa.

«Da oltre un mese avevamo fissato la data, ma evidentemente questi personaggi sono stati paralizzati dalla vergogna e dalla consapevolezza di aver dato il colpo di grazia alla città». De Luca ha accusato Accorinti e i suoi assessori di essersi sottratti a un confronto pacifico su quanto realmente fatto per Messina. E aver quindi perso la possibilità di giustificarsi davanti agli occhi di quei cittadini che li avevano scelti come guida della città dello stretto.

«Da oggi non risponderemo più alle provocazioni di questi personaggi in cerca di autore – ha poi scritto sul suo profilo Facebook – perché non hanno alcun titolo a disquisire delle problematiche della città. Nella vita tutti possiamo sbagliare ma non è consentito a nessuno di comportarsi da vigliacco e da mistificatore».

Attacchi ai quali ha risposto Guido Signorino, ex assessore e vicesindaco di Renato Accorinti. «Gli è stato già detto, ma tocca ripeterlo. I confronti hanno un senso se servono alla città per accrescere consapevolezza e aiutare le scelte collettive. I tentativi di rissa con insulti a destra e a manca non servono a nulla, se non alla campagna elettorale perenne del sindaco. Certo non ci trova complici. Ben venga parlare seriamente di Messina: nelle sedi giuste e coi contenuti seri. Che non sono quelli indicati dal povero De Luca, che si loda e s’imbroda, parla e sparla su se stesso, sempre più solo».

Continua a leggere altre notizie su
Messina