98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Duplice omicidio ad Ucria, slitta al prossimo 23 settembre il Riesame

Ucria – I giudici saranno chiamati a pronunciarsi sulla posizione del macellaio Salvatore Russo, che resta ristretto nel carcere di Barcellona, il prossimo 23 settembre per quello che riguarda il riesame sul duplice omicidio avvenuto la sera di Ferragosto ad Ucria. I difensori puntano sull’esimente della legittima difesa, negata dal GIP Molina di Patti.

Emergono ulteriori sviluppi dalle indagini sul duplice omicidio di Ucria avvenuto la sera di Ferragosto. In carcere, per l’uccisione di Antonino e Fabrizio Contiguglia e il tentato omicidio di Salvatore Contiguglia, c’è sempre il macellaio 29enne Salvatore Russo che ha sparato, ha spiegato, per legittima difesa. Indagato per gli stessi reati anche il cognato di Russo, Daniele Balsamo, 38 anni, che si trovava con lui in quel momento e che sarebbe stato il vero obiettivo della spedizione punitiva dei Contiguglia. Ma, stando a quanto ipotizzato dal titolare delle indagini, il sostituto procuratore di Patti Andrea Apollonio, sul fronte dei Contiguglia, il quadro sarebbe più complesso.

Ci sono, infatti, altri quattro indagati. Si tratta di Giovanni Santino Contiguglia, 68 anni; Davide Contiguglia, 35 anni; Vittorio Contiguglia, 55 anni; e Salvatore Contiguglia, 43 anni, accusati di estorsione, violenza privata e di morte o lesioni come conseguenza di altro reato. A carico invece del solo Vittorio Contiguglia è stato ipotizzato anche il reato di minaccia. Contiguglia Davide, Contiguglia Vittorio, Contiguglia Salvatore (ferito la sera di Ferragosto), Contiguglia Antonino detto “Nuccio” (ucciso quella sera), Contiguglia Fabrizio (ucciso quella sera) sarebbero stati dunque gli esecutori materiali ma il mandante sarebbe stato Contiguglia Santino Giovanni. Determinanti gli esami autoptici e dei Ris.

Continua a leggere altre notizie su
Ucria