98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Differenziata in flessione tra luglio e agosto, colpa delle utenze fantasma

Patti – Nonostante la solerzia e l’ottima capacità organizzativa della maestranze, tra i mesi di luglio e agosto la percentuale di rifiuti differenziati avrebbe subito una flessione.

Percentuali di differenziata in flessione a luglio e agosto: è quanto emergerebbe dai dati, non ancora ufficiali, relativi al servizio di raccolta porta a porta espletato durante la stagione estiva. La responsabilità sarebbe da attribuire all’esponenziale aumento delle “utenze fantasma” tra luglio e agosto, a causa della riapertura di parecchie case estive sprovviste dei mastelli di raccolta perché non registrate negli elenchi Tari. Ciononostante il sindaco Aquino si dice ottimista: «Siamo sulla buona strada, la prima stagione estiva con il servizio porta a porta rappresentava un banco di prova impegnativo e particolarmente temuto a causa dell’aumento del numero di utenti. Sul fronte dell’efficienza del servizio, il test è stato ampiamente superato grazie ad un’ottima capacità organizzativa».

Per ciò che concerne la flessione, il primo cittadino addebita il trend negativo all’emersione, come accennato, di parecchie “utenze fantasma” e al consequenziale abbandono di rifiuti non differenziati ai margini delle vie cittadine o in prossimità dei cestini stradali. Non esenti da critiche anche diversi esercizi commerciali, che specie durante la settimana ferragostana si sono dimostrati meno scrupolosi del solito.

Adesso scatterà la “fase 2” attraverso controlli ancora più capillari, volti a far emergere le utenze non ancora registrate, mentre a partire da ottobre è prevista una stretta sulle modalità di conferimento, con l’obiettivo di costringere gli utenti a differenziare in maniera corretta e scrupolosa: «Saremo intransigenti – annuncia Aquino – sull’utilizzo di sacchetti trasparenti, per agevolare le maestranze ad un ricognizione puntuale dei rifiuti conferiti dalla cittadinanza. Qualsiasi scorrettezza sarà segnalata ed eventualmente sanzionata».

Importanti novità anche sul fronte della  tariffazione, con l’obiettivo di introdurre, entro il 2020, il sistema  della “tariffa puntuale” (Tarip), attraverso cui si stabiliscono gli importi dovuti in base all’effettivo conferimento. «L’intenzione – riferisce il primo cittadino – è di far pagare l’utente non più sulla scorta della superficie dell’abitazione e del numero dei componenti del nucleo familiare, ma sulla base della mole di rifiuti  effettivamente prodotta e conferita. Si tratta – conclude il sindaco – di un sistema più equo, che punta a premiare coloro che si dimostrano particolarmente virtuosi nella pratica del riciclo o dell’acquisto di prodotti alla spina».

Continua a leggere altre notizie su
Patti