98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Tindari Festival presenta “Il berretto a sonagli” della compagnia Teatrando

Patti – Doppio appuntamento il 27 e 28 Agosto (ore 21.00) a Villa Pisani di Patti Marina con “Il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello: spettacolo proposto dalla compagnia “Teatrando” per la sezione “Palcoscenici Aperti” del 63esimo Tindari Festival.

Il testo, che non ha affatto bisogno di presentazioni, sarà portato in scena nella sua versione originale, senza alcuno stravolgimento e seguendo pedissequamente le indicazioni fornite dallo stesso Pirandello a proposito dell’interpretazione.

La compagnia Teatrando, guidata da Paolo Marchese (attore e doppiatore) e Raffaella Caso (attrice), nasce nel 2017 con l’obiettivo di portare in scena un teatro semplice, dove conta solo ciò che accade in scena, lasciando spazio ad una recitazione tendenzialmente “parlata”.

La regia e la direzione artistica sono affidate a Paolo Marchese, che vestirà anche i panni del protagonista, lo scrivano Ciampa. Con lui, sul palco, Raffaella Caso (Beatrice), Silva Mollica (la saracena e donna Assunta ), Mario Brittannico (il delegato Spanò), Luca Marchese (il signorino Fifì, fratello di Beatrice), Anna Manigrasso (la serva Fana, vecchia balia di Beatrice), Ludovica Serio (Nina, la giovane moglie di Ciampa).

Lo spettacolo:

Ambientato nella Sicilia del novecento, “Il berretto a sonagli” è la storia di un uomo, Ciampa, che pur di salvare la faccia è disposto a tutto, persino ad accettare il tradimento della moglie con il suo datore di lavoro pur di uniformarsi al sistema sociale. E per “salvare le apparenze”, anche se tutti conoscono l’accaduto, Ciampa astutamente costringe Beatrice, la moglie del suo padrone che l’ha fatto “becco”, a dichiararsi folle: l’unica che per orgoglio vorrebbe urlare la verità a tutto il paese, verrà considerata da tutti pazza, salvando così l’onore del cornuto. «Ciampa – afferma Paolo Marchese – incarna perfettamente molti caratteri fondamentali dell’eroe pirandelliano: schiacciato da una condizione di vita umile, consapevole di essere in una situazione di evidente inferiorità sociale, è lacerato tra l’amore per la moglie e il senso dell’onore, tra il sapere e il dissimulare, tra l’essere e il fingere». Insomma, l’esilarante commedia “Il berretto a Sonagli” di Luigi Pirandello presenta l’eterno dissidio tra l’essere e l’apparire nella moderna società, aspetto che rappresenta una delle principali tematiche pirandelliane. A più di un secolo dalla prima rappresentazione, questa commedia è particolarmente attuale nell’odierna epoca dei social, dove il numero dei “like” e dei “follower” conta più della vera essenza di un’esistenza.

Paolo Marchese: alterna da trenta anni l’attività di attore a quella di doppiatore, nella quale ha dato voce e anima a decine di importanti attori, tra cui John Travolta, Forest Whitaker, John Goodman e Richard Dreyfuss, nonché a personaggi di centinaia di film di animazione, anche della Walt Disney-Pixar, come “Ratatouille”, e di serie come i Simpson.

Continua a leggere altre notizie su
Patti