98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Tris di acquisti per il San Fratello, ecco Bontempo, Margò e Carbonetto

San Fratello – L’apparente calma estiva viene interrotta dall’uragano San Fratello, che piazza tre acquisti in un colpo solo, con gli arrivi di Giacomo Bontempo, Angelo Margò e Benedetto Carbonetto.

L’impressione infatti è che i neroverdi del San Fratello, dopo l’immobilismo di quasi tutta l’estate sul fronte acquisti, abbiano deciso di accedersi tutto d’un tratto e di mandare un messaggio alla concorrenza.

La definizione del nuovo consiglio direttivo avvenuto a fine Luglio, insieme al ritorno di Antonio Reale alla guida tecnica della squadra, si è infatti rilevata un biglietto da visita per Delfio Calabrese, affinché potesse portare a termine la definizione delle trattative intavolate durante il mese di Luglio. La sensazione è che con gli innesti di Giacomo Bontempo, Angelo Margò e Benedetto Carbonetto, il centravanti-bandiera neroverde nella nuova veste dirigenziale, si sia mosso in maniera mirata e oculata.

Il regista santagatese Giacomo Bontempo, dopo aver dichiarato a conclusione della scorsa stagione che avrebbe dato l’addio al calcio giocato, quando ancora vestiva la maglia dell’Acquedolci, con la proposta recapitatagli da Calabrese ha quindi deciso di ritornare sui suoi passi, cedendo alle lusinghe del San Fratello. Giacomo, oltre al ripensamento sulla decisione presa a fine Aprile e dopo aver accettato il progetto sanfratellano, si è convinto dunque a giocare in Prima Categoria. Per lui il terzo torneo dilettanti non si tratta infatti di una novità, visto che due anni fa ha contribuito, in maniera determinate e con un peso specifico importante, all’approdo in Prima Categoria dell’Acquedolci. Conseguenza che permette di essere in presenza di un valore aggiunto e che rappresenta uno spreco per la Prima Categoria.

Se Bontempo merita di essere menzionato per le notevoli qualità tecniche, lo stesso può dirsi anche per Angelo Margò. Come nel caso del centrocampista, anche per l’ex Sinagra, c’è da affermare la presenza di un elemento, che in Prima Categoria si trova per caso. A differenza di Bontempo, Margò fa però della duttilità uno dei suoi punti di forza. Che venga schierato da difensore centrale, da mediano o da regista, l’impressione è che Angelo possa essere utile e funzionale nel soddisfare le esigenze, che Antonio Reale avrà nel cercare di trovare la giusta identità e filosofia di gioco alla squadra.

L’innesto di Carbonetto sembra invece suonare più come un ritorno a casa. Il centravanti, in vista della nuova stagione, ha infatti deciso di ritornare a giocare a San Fratello, perché stimolato dal progetto che Delfio Calabrese gli ha messo davanti, in più doppiamente stimolato dalla voglia di rimettersi in discussione. Come nel caso di Bontempo e Margò, anche Carbonetto ha preso la decisione di sacrificare le proprie qualità tecniche di giocatore (da Promozione), sull’altare della Prima Categoria. Vero è che la voglia di far bene e di contribuire al riscatto del San Fratello, dopo l’amaro girone di ritorno della scorsa stagione (culminato però con lo spareggio play out vinto con il Città di Castellana), ha contribuito nella scelta di Benedetto di ritornare a vestire la maglia del suo paese. Altrettanto vero è che gli innesti di Bontempo e Margò gli hanno probabilmente fatto scattare quella molla, che poi si è rilevata determinante nell’apporre la firma sul suo tesseramento come nuovo giocatore del San Fratello. Dopo aver portato a termine la definizione di tre pezzi da novanta è probabile che in casa San Fratello, ad inizio della prossima settimana, arrivino altri colpi tali da innalzare sia il livello qualitativo della squadra che l’entusiasmo dell’ambiente sanfratellano.

Continua a leggere altre notizie su
San Fratello