98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Ricordate le vittime del disastro ferroviario del 1969 tra Castroreale e Barcellona – Le foto

Messina – Sono trascorsi 50 anni dal quel tragico incidente. Erano le 3.05  del 15 giugno del 1969 all’interno della galleria Sant’Antonio, che si trova sul tratto a binario unico che collega Castroreale e Barcellona, quando il treno accelerato 2910, partito dalla stazione di Palermo Centrale alle ore 22:35 e il treno merci 7441/OL1, proveniente da Messina si scontrano.

Un impatto frontale talmente violento che i due locomotori si incastrarono l’uno nell’altro. L’impatto fa tremare le abitazioni sottostanti. A bordo del convoglio passeggeri ci sono tre persone che viaggiano nella prima classe e 127 nella seconda. Quattro invece i macchinisti.

Saranno otto le persone morte e dodici quelle ferite. Tra di loro anche Salvatore Santamaria giovane promessa dell’atletica messinese rimasto intrappolato tra le lamiere. Il quadro che si presenta ai soccorritori è da subito allarmante. Alcune cisterne del treno merci cariche di idrocarburi pesanti iniziano a rovesciare il denso liquido nel tunnel rendendo difficili i soccorsi a causa delle esalazioni e del rischio esplosione.

Due giorni dopo nel pomeriggio, un incendio all’interno della galleria carbonizzò quanto era rimasto dei due convogli e di quanti vi erano ancora intrappolati. Vennero aperte, un’inchiesta giudiziaria della procura e una delle Ferrovie dello Stato.

Presentate alcune interpellanze parlamentari. Ieri a cinquant’anni di distanza, una targa è stata scoperta alla stazione centrale per ricordare quel tragico incidente e c’era chi è sopravvissuto a quella tragedia e che è riuscito a uscire dalle lamiere contorte della locomotiva. Il suo volto e i suoi occhi sono riusciti a dire molto di più che la sua voce non ha potuto dire perché strozzata dall’emozione.

Continua a leggere altre notizie su
Messina