98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Messina è stata la città del popolo arcobaleno per un giorno. Una lezione di civiltà

Messina – Un popolo che ha invaso le strade in occasione del primo Pride dello Stretto.

Colore, musica, balli hanno animato il lungo corteo che ha sfilato sotto il motto “Largo all’orgoglio”. Uno slogan scelto dal comitato organizzatore per «sensibilizzare tutti sui diritti civili e umani». Madrina d’eccezione del Pride è stata Ottavia D’Anseille Voza, presidente Arcigay Salerno. Il festoso corteo ha preso il via da piazza Antonello proseguendo sul Corso Cavour, via Tommaso Cannizzaro con sosta a piazza Cairoli e poi in via Garibaldi, per concludersi a piazza Unione Europea.

Alle 21 apericena Fellini Scandal per poi concludersi in serata con l’Omd Party Drive al Palco. Migliaia di persone hanno rivendicato i loro diritti con una sfilata sempre composta come promesso o dagli organizzatori. Tanti i curiosi che hanno assistito a bordo della strada, incuriositi dal popolo variopinto animato anche dalla presenza di qualche drag queen. Mascotte della manifestazione una riproduzione della statua del Nettuno dipinta dei colori arcobaleno, simbolo del pride dello Stretto.

Continua a leggere altre notizie su
Messina