98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

La plastica uccide un altro capodoglio. Nel suo stomaco numerosi sacchetti. Le impressionanti immagini

Cefalù – Ancora un altro Capodoglio nelle spiagge siciliane. Questa volta siamo a Cefalù dove un esemplare di 6 metri e mezzo è stato trovato, piaggiato,  sulla costa di Lascari.

La causa della sua morte? Ancora una volta la plastica. Si tratta di una femmina, una giovane femmina di 6, 7 anni al massimo, come spiega il biologo Carmelo Isgrò, membro del comitato tecnico scientifico del museo della fauna dell’università degli studi di Messina e diventato famoso per la vicenda di Siso, il Capodoglio trovato morto a Milazzo, anche lui a causa della plastica.

L’avvistamento del giovane esemplare è avvenuto 4 giorni fa. Subito sono iniziati gli accertamenti a cura dell’Istituto Zooprofilattico siciliano in collaborazione con le università di Messina e di Padova.

“Sono immagini forti, -ha detto il biologo- ma che voglio che tutti vedano per capire cosa stiamo facendo al nostro mare e ai suoi abitanti. E’ stata un’impresa difficile ma eravamo ben 10 persone!” Dalla  necroscopia effettuata nel cucciolo di capodoglio è emerso quanta plastica di fosse dentro il suo corpo: “Buste, sacchi e reti – ha dichiarato Isgrò – Così anche lo scheletro di questo cucciolo di femmina di capodoglio sarà preservato e presto fruibile in un museo. Forse proprio accanto a quello di Siso al MuMa, il museo del mare di Milazzo in fase di realizzazione all’interno del Castello e che dovrebbe essere aperto al pubblico la prossima estate”.

Una triste storia che si ripete, ancora nelle spiagge siciliane.

 

Continua a leggere altre notizie su
Cefalù