98zero

Maltrattava la madre mentre aera ai domiciliari. Condannato 40enne di Montagnareale

Montagnareale – Condannato dal Tribunale di Patti a due anni  e un mese di reclusione un quarantenne di Montagnareale per maltrattamenti alla madre ed evasione, quando era ristretto ai domiciliari per scontare la pena derivante da altro procedimento.

Il giudice monocratico pattese, Francesco Torre, ha condannato T. S., difeso dall’avvocato di fiducia Giacomo Prinzi, a 25 mesi di reclusione, oltre al pagamento delle spese del procedimento e di quelle di mantenimento durante la custodia cautelare in carcere.
Il magistrato ha inoltre condannato l’imputato al risarcimento del danno nei confronti della madre M. A., costituitasi parte civile con l’assistenza dell’avvocato Calogero Grillo. Il quarantenne ristretto ai domiciliari per un altro reato, fu arrestato in flagranza e processato per direttissima con l’accusa di evasione e maltrattamenti in famiglia, ai danni della madre, difesa dal legale Calogero Grillo.
Lo scorso marzo fu proprio la donna a denunciare il figlio, dopo essere stata sottoposta a ripetuti maltrattamenti, anche per effetto dell’abituale abuso di alcool  da parte dell’uomo. La donna subì reiterati atti di aggressione, durante i quali fu percossa dal figlio che proferì nei suoi confronti insulti, minacce e frasi ingiuriose. Non soltanto botte, ma anche parole molto offensive furono rivolte alla donna, che durante alcuni episodi, si legge nel capo d’imputazione, “ fu costretta ad uscire fuori dalla propria abitazione, al freddo, o a chiudersi a chiave nella sua stanza, mentre il figlio bussava violentemente alla porta chiedendole soldi per le sigarette. Un’altra volta il figlio la minacciò di spaccarle la testa o di spezzarle le dita, se avesse toccato una lettera”.
Durante la detenzione ai domiciliari, per  essere stato condannato per un reato della stessa indole,  il quarantenne non esitò ad uscire senza alcuna autorizzazione da casa, allontanandosi per oltre un’ora. Per tale ragione scattò anche l’arresto per evasione.
Continua a leggere altre notizie su
Montagnareale