98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Pace fiscale per i Tributi locali, la minoranza chiede l’adesione al decreto 119/2018

Patti – Possibile sanare le controversie per Imu, Tari, Tasi e Ici tra il 200 e il 2017: la minoranza sollecita l’esecutivo ad aderire al decreto Pace Fiscale.

Una mozione per predisporre una delibera di adesione per l’applicazione del decreto legge 119/2018, denominato “Pace Fiscale per i Tributi Locali”. A presentarla sono i consiglieri di opposizione Tripoli, Cimino, Impalà e Gregorio Nardo, secondo cui l’adesione alla sanatoria rappresenterebbe un’opportunità per i cittadini, i commercianti, gli artigiani e le imprese locali.

«L’amministrazione e il consiglio comunale –  affermano gli esponenti della minoranza – non possono e non devono sottovalutare questa possibilità, con l’adesione al decreto legge “Pace Fiscale” si potrebbero sanare controversie tra i cittadini e il Comune per Imu, Tari,  Tasi e Ici dal 2000 al 2017. La domanda – continuano i consiglieri – va presentata entro il 31 maggio, data entro la quale il Comune deve esprimersi, ma ad oggi l’amministrazione comunale non ha ancora fatto sapere al consiglio comunale, tanto meno all’ufficio competente, le proprie intenzioni circa l’attuazione o meno del decreto nel nostro Comune».

La legge prevede una specifica delibera di consiglio comunale per l’applicazione dell’adesione agevolata. Da qui la richiesta dei sei esponenti dell’opposizione, che chiedono di avviare l’ iter per la predisposizione di tutti gli atti necessari, «al fine – ribadiscono – di aderire alla pace fiscale prevista dal decreto legge 119/2018 art.6 comma 16».

Continua a leggere altre notizie su
Patti