98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina
carenza acqua amam messina

Bollette acquedotto, il Sindaco “Chi non paga avrà interrotta erogazione acqua”. Era ora!

Capo d’Orlando – Il Sindaco Franco Ingrillì, nel corso di un conferenza stampa di questa mattina, ha confermato le indiscrezioni dei giorni scorsi affermando che l’attuale incasso delle bollette per il pagamento dell’acqua è soltanto del 60% circa, rispetto ai quasi 900 mila euro che dovrebbero entrare annualmente nelle casse comunali.

“I canoni sono estremamente contenuti, ha dichiarato il Sindaco Ingrillì, in quanto negli anni passati era stato tolto il canone base. Il costo dell’acqua a Capo d’Orlando è limitato al minimo ma nonostante questo lo scorso anno per l’acquedotto, su un dovuto di 890 mila euro, per il 2017, abbiamo incassato 546 mila euro e significa questo che abbiamo il 40% di incasso in meno. Stesso andamento si sta registrando anche per il pagamento del canone per il 2018. Chi ha sempre pagato continua a farlo mentre chi non paga, purtroppo, allo stesso modo, continua ad evadere un consumo effettivo di acqua”.

“Visto ce il Comune, continua il primo cittadino, ha la necessità di espletare quei sevizi necessari affinché Capo d’Orlando rimanga sempre quello che è sempre stata sono costretto, cominciando con le attività commerciali, per quanto riguarda il 2017, previa avvertimento, a determinare utilizzando l’articolo 35 del nostro regolamento, alla limitazione dell’erogazione dell’acqua al cittadino moroso”.

Franco Ingrillì continua dichiarando che “Siamo spiacenti per quanto siamo costretti a fare ma il livello dei servizi di questo paese dipende quasi esclusivamente dai pagamenti che riceviamo con acquedotto e Imu. Nel momento in cui ci mancano questi incassi andiamo in difficoltèà e conseguentemente ci ritrociamo buche nelle strade ed altre problematiche alle quali i cittadini chiedono risoluzioni. E’ un gesto di difesa per chi ha sempre pagato la bolletta dell’acquedotto. Non è giusto che questi pagano un servizio usufruito anche da chi non continua a pagare. Capisco che ci possano essere delle situazioni di difficoltà economiche ma sinceramente il costo del servizio è così basso che sembra strano che tutti non paghino”.

Ma verrà introdfotto la tasas base sull’acquesotto?

Una norma regionale prevede che le reti idriche passeranno all’Ato Idrico nonostante la protesta di numerosi Sindaci. Se andiamo ad applicare i paramentri previsti dalla regione con questo passaggio significherà applicare nuovamente il canone base che, sommato al consumo, porterebbe il costo del servizio quanto meno a raddoppiare”.

Continua a leggere altre notizie su
Capo d'Orlando