98zero

Vince l’Orlandina contro Trapani 90 a 77 ma non basta.

Capo d’Orlando – Vince la decima partita consecutiva la Benfapp Capo d’Orlando battendo Trapani per 90 a 77.

Quintetto atipico per coach Marco Sodini. In campo infatti oltre ai soliti Parks, Triche e Bellan anche Neri e Mobio con in panchina capitan Bruttini. Risponde coach Parente con Renzi, Miaschi, Clarke, Ayers e Pullazi.

E’ subito botta e risposta tra le due formazioni in campo con le difese che latitano a favore dello spettacolo in campo. Trapani trova ottime soluzioni offensive sotto le plance con Renzi ma l’Orlandina risponde con Mobio e Triche. Dopo tre minuti di gara è già 9 pari. Con il passare dei minuti le difese stringono le proprie maglie ma i padroni di casa infiammano il Pala Sikeli Archivi con una schiacciata di Bellan che vale il 14 a 11. Dopo qualche errore in entrambi i lati del campo gli ospiti raggiungono il pareggio con una tripla di Pullazi. Ma prima Murabito da sotto e un antisportivo fischiato a Marulli consentono ai padroni di casa di allungare a 3 minuti dalla prima sirena sul 17 a 14. Nicola Mei mette la tripla del 20 a 14 e Trapani subisce il colpo. Mollura tenta di svegliare i suoi con una tripla. Grazie al canestro di Murabito sulla sirena alla prima pausa il tabellone recita 24 a 17 per la Benfapp Capo d’Orlando.

Alla ripresa del gioco Mei mette a segno due punti da sotto e subisce fallo. Dalla lunetta l’ex Latina concretizza il gioco da tre punti (27-17). Trapani con due triple consecutive si rifà sotto e coach Sodini è costretto al time out sul 30 a 25. Dopo diversi errori offensivi, causati da ottime difese, è Parks a mettere la tripla del 33 a 25. L’americano dell’orlandina sale in cattedra. Segna da tre e da due. A metà del secondo parziale il risultato è di 39 a 28 con i padroni di casa che raggiungono il massimo vantaggio. Il due su due di Neri dallalunetta porta i padroni di casa sul più 13 a 2 minuti dalla fine. Parks segna da sotto ed è il 47 a 32 per l’Orlandina. Si va negli spogliatoi con una buona Benfapp avanti 49 a 34.

Al rientro dall’intervallo lungo gli ospiti provano a rientrare in partita e piazzano un parziale di 3 a 6. Dopo due minuti del terzo quarto il punteggio è 52 a 40. Trapani torna sul meno 11 con una tripla di Clarke (54 a 43) ma dall’altro lato del campo risponde Neri dai 6.75 (57-43). Coach Parente ferma lapartita con un time out a 5’17” sul punteggio di 61 a 48. Marulli tenta, con le sue triple, di mantenere in gara i suoi ma l’Orlandina non si fa sorprendere. Il terzo parziale di chiude sul punteggio di 69 a 58.

L’ultimo quarto si apre con la tripla di Laganà per il 72 a 58 ma risponde Trapani dai 6.75 e si riporta sul meno 11. I padroni di casa non vogliono rischiare e Bellan sale in cattedra con una tripla ed una stoppata che infiammano il Pala SicheliArchivi. Dopo tre minuti Trapani è di nuovo a meno 15 (78-63). Gli ospiti accusano il colpo e dopo l’ennesima palla persa coach Parente ferma la gara con un time out sul punteggio di 80 a 63. Con un break di sette a zero Trapani torna sul meno 10 ma Simone Bellan segna ancora da tre e da due (85-70). Il finale è solo passerella con Sodini che concede la standing ovation ai suoi. La partita finisce 90 a 77 ma con la vittoria di Roma a Legnano l’Orlandina è costretta ai play off nonostante il maggior numero di successi ottenuti in questa stagione.

Continua a leggere altre notizie su
Capo d'Orlando
Invia una Segnalazione