98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Arrivano 26 milioni di euro per il risanamento. Nuovi alloggi per famiglie

Messina – Soldi che serviranno per comprare nuovi alloggi da destinare alle famiglie che vivono ancora in baracca.

Milioni che arrivano per metà dalla legge 10 del 1990 e l’altra metà dal pon metro. «Con un decreto già firmato che attende il visto della ragioneria» spiega il vicesindaco Salvatore Mondello la Regione erogherà i 13 milioni che saranno presentati in consiglio comunale dall’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone.

Verranno avviate le operazioni di acquisto delle prime case che il comune ha già individuato sul mercato con un primo bando. «Servono almeno 2400 alloggi, non reperibili tutti sul mercato, quindi si sta pianificando una serie di progetti che non prevedono nuovo consumo di suolo» sottolinea Mondello. Gli altri 13 milioni spiega l’assessore Previti arrivano dalla «riprogrammazione assi 3 e 4, e sono destinati per acquisto di immobili destinati a edilizia residenziale pubblica».

Questi fondi che arrivano dal Pon Metro permettono all’amministrazione comunale di derogare alle graduatorie «in questo modo potremo rispondere a determinate situazioni speciali – spiega Mondello – come gli abitanti delle case D’Arrigo di via Don Blasco. Parte di loro non avrebbe diritto all’assegnazione, perché non rientra nel censimento del 2002, ma sono case che dobbiamo buttare giù per permettere all’impresa di lavorare sulla strada, e per far sì che nessuno le occupi di nuovo». Marcello Scurria, Presidnete di Arisme ha ribadito che l’obiettivo è di «acquistare 500 alloggi entro il 2019. Entro giugno potremmo arrivare a 700 case e a mille entro il 2020».

Continua a leggere altre notizie su
Messina