98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Terremoto politico a San Pier Niceto: si è dimesso l’assessore al Turismo e Beni Culturali, avv. Francesco Certo.

San Pier Niceto – Arrivano come un fulmine a ciel sereno le dimissioni dell’assessore Certo, che da più di due anni si occupava in modo impeccabile di Cultura a 360°. Il suo è stato un assessorato del fare e lo dimostrano le numerose iniziative a sua firma.

Le dimissioni, presentate ieri, in modo irrevocabile, al Sindaco dott. Pietro Calderone, hanno come motivazione il  “venir meno  del rapporto fiduciario e del patto di lealtà” si legge nella lettera presentata dall’avvocato Certo.

“Il venir meno  del rapporto fiduciario e del patto di lealtà che dovrebbero costituire il tratto essenziale e distintivo  di ogni componente dell’organo esecutivo -si legge testualmente- unita a un’attività politica priva di progettualità, di sinergia e declinata in modo miope, parziale e puerile, non mi consente di proseguire, in modo dignitoso, l’impegno assunto con Lei, ma soprattutto con i cittadini tutti.”

Certo ha anche ringraziato il Sindaco per la fiducia riposta in lui a suo tempo, ma si è detto impossibilitalo di proseguire per i motivi sopra scritti.  Adesso bisogna capire quale sarà la prossima mossa di Calderone e chi subentrerà al posto di Certo.

Intanto dal fronte opposizione arrivano forti critiche. La Capogruppo Elisabetta Formica esprime il suo dissenso verso un’amministrazione che giudica al capolinea: “ Da tempo denunciamo l’inadeguatezza dell’azione politica dell’amministrazione Calderone, -ha commentato in un comunicato-  incapace di compiere i più banali atti di ordinaria amministrazione come provvedere alla pulizia e al decoro del Paese, la totale assenza di programmazione degli interventi di straordinaria amministrazione,  il reperimento di fondi extracomunali per la realizzazione di opere di vitale importanza per il Paese; un’amministrazione comunale  che ha già acceso mutui alla cassa depositi e prestiti pari a quasi 1 milione di Euro sulle spalle dei Sampietresi; la totale  mancanza di programmazione di azioni che valorizzino l’enorme patrimonio storico, artistico e culturale del Paese. È grave che tutto ciò oggi venga denunciato platealmente dall’Assessore dimissionario Certo, impedito a proseguire il mandato per il venir meno del rapporto di lealtà, per mancanza di progettualità e per puerilità come lo stesso ha messo nero su bianco.”

Continua a leggere altre notizie su
San Pier Niceto