98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

Indagine “Beta2”. L’accusa chiede otto condanne

Messina – Per gli otto imputati del processa Beta2 che hanno scelto il rito abbreviato, i sostituti della Dda Liliana Todaro e Fabrizio Monaco hanno chiesto otto condanne che vanno dai 10 ai due anni di reclusione nel processo nato dalla nuova inchiesta sugli affari mafiosi a Messina, ma anche in Italia, del gruppo Romeo-Santapaola.

Il gup Monica Marino dovrà valutare le richieste di condanne a 10 anni di reclusione per Giuseppe La Scala i due fratelli Antonio e Salvatore Lipari, 12 anni per Maurizio Romeo, 2 anni per Salvatore Parlato e Nunzio Laganà, 8 mesi per il pentito Biagio Grasso, e infine 2 anni per Vincenzo Romeo.

Tra i reati contestati a vario titolo ci sono l’associazione mafiosa, il traffico di influenze illecite, l’estorsione, la turbata libertà degli incanti, il tutto aggravato dal metodo mafioso, poiché commessi per agevolare l’attività del gruppo mafioso Romeo-Santapaola. Al centro della consorteria ci sarebbe stata la distribuzione dei farmaci in Sicilia e Calabria e l’imposizione, sfruttando la capacità di intimidazione del sodalizio, dell’acquisto di farmaci da parte

Continua a leggere altre notizie su
Messina