98zero
Corte Schippi Ristorante provincia di messina

“Alcara nel Cuore” scrive ai sindaci del comprensorio per un progetto sulla S.P. 161

Alcara Li Fusi – I Consiglieri Comunali di Alcara li Fusi del Gruppo “Alcara nel Cuore” Vaneria Nicola, Parrino Mariella Angela e Oriti Nunziatina chiedono al Sindaco della Città Metropolitana di Messina, ai Sindaci dei Comuni di Alcara Li Fusi, Longi, Galati Mamertino, Militello Rosmarino, Frazzanò e Mirto la redazione di un progetto per i lavori di consolidamento, ripristino e messa in sicurezza della S.P. 161 Alcara – Longi.

DI seguito il comunicato dei consiglieri della lista “Alcara nel Cuore”:

Oggetto: Richiesta redazione progetto inerente ai lavori di consolidamento, ripristino e messa in sicurezza della Strada Provinciale 161/A Alcara – Longi.

I sottoscritti Consiglieri Comunali Vaneria Nicola, Parrino Mariella Angela e Oriti Nunziatina, del Gruppo Consiliare di Opposizione “Alcara nel Cuore” del Comune di Alcara Li Fusi,

VISTO

  • l’aggravarsi delle condizioni di stabilità della Strada Provinciale 161/A (Alcara li Fusi – Longi), nonostante l’ultimo intervento, eseguito dalla Città Metropolitana di Messina, denominato “Lavori urgenti per la realizzazione di opere provvisionali per il ripristino del transito sulla S.P. 161/A Alcara Li Fusi – Longi, in località Villicano, nel Comune di Alcara Li Fusi”;
  • lo stato di precarietà e pericolo in cui verte la strada provinciale sulla quale, da oltre un trentennio, tutti gli interventi realizzati per la sistemazione si sono rivelati vani per la stabilità del territorio e per la definitiva rete viaria;

CONSIDERATO

  • che la Città Metropolitana di Messina non ha ancora stilato un progetto complessivo per la risoluzione della criticità idraulica, con opere di raccolta delle acque, consolidamento dei luoghi e infine ripristino della suddetta strada, interessata da movimenti franosi sia in C.da Villicano che nei tratti più a monte, quali le C.de Murà e Lanzeri;
  • che per l’assenza della predetta progettazione la S.P. 161/A non è stata inserita nella rimodulazione del Masterplan;
  • che la mancanza di un valido progetto complessivo espone la Città Metropolitana di Messina al rischio di predisporre ulteriori interventi-tampone che non risolveranno la problematica in atto relativa alla precarietà dei luoghi ed alla sicurezza nel transito;
  • che l’attuale interruzione della viabilità determina la difficoltà dei numerosi residenti che attualmente non possono utilizzare tale arteria stradale per raggiungere le proprie abitazioni, nonché l’impossibilità per le aziende agro-zootecniche presenti sul territorio di effettuare transumanze con mezzi gommati, di autorifornirsi di foraggio per il bestiame e anche di raggiungere i propri fondi in condizioni di sicurezza, l’impossibilità dei mezzi di soccorso (ambulanze, mezzi dei vigili del fuoco etc.) per raggiungere punti in cui necessita il loro intervento, nonché la medesima impossibilità per i fedeli partecipanti ai frequenti pellegrinaggi che si ripetono verso i luoghi Santi dell’Eremo di San Nicolò Politi e dell’Acquasanta;
  • che la stessa viabilità costituisce l’unica via di fuga verso i Comuni di Longi, Galati Mamertino, Mirto, Frazzanò, Tortorici, Castell’Umberto, San Salvatore di Fitalia nonché verso la costa tirrenica, in caso di isolamento causato dalle sempre più precarie condizioni della S.P. 161 Alcara li Fusi – Militello Rosmarino – Sant’Agata di Militello, come, tra l’altro, è avvenuto di recente per la caduta di diversi massi precipitati sulla rotabile nel corso dell’ultimo anno;

 

EVIDENZIATO

  • che la predetta strada, opportunamente sistemata ed adeguata per tutto il tratto, rappresenta un’arteria strategica, vero e proprio volano di sviluppo per l’incremento turistico-naturalistico, legato anche alle antiche tradizioni popolari e all’enogastronomia basata sulla genuinità dei prodotti a “Km zero”, riducendo di conseguenza il continuo spopolamento dei comuni dell’Aree Interne;
  • che le strade Provinciali 161 e 161/A sono di grande valenza paesaggistica, poiché rappresentano la via d’accesso al Parco dei Nebrodi, permettendo di raggiungerne le aree di maggior interesse naturalistico, quali i boschi e le faggete di Mangalaviti, i laghi Maullazzo e Biviere, costeggiando, altresì, in un percorso di impareggiabile bellezza, il complesso Dolomitico delle Rocche del Crasto (nelle pareti di Rocca Traura nidifica la numerosa colonia dei Grifoni, nella parete di Rocca Calanna nidifica da millenni l’aquila reale ed insistono i geositi della Grotta del Lauro e le faglie del Crasto, la parte archeologia di Paleocrasto),

 

CHIEDONO

con forza, alla S.V., appellandosi alla sua sensibilità per i problemi del nostro territorio ed alla sua capacità decisionale, di far predisporre un Progetto Esecutivo per la risoluzione della criticità idraulica, con opere di raccolta delle acque, consolidamento dei luoghi e infine ripristino complessivo della Strada Provinciale 161/A, nei tratti in frana ricadenti nel territorio di Alcara li Fusi, in Località Villicano – Murà, ed in località Lanzeri.

Si auspica, infine, che il suddetto progetto possa essere trasmesso ai vari Assessorati Regionali e Ministeri, affinché venga inserito in un accordo-quadro e/o piani di programmazione comunitari nonché nella prossima eventuale rimodulazione del Masterplan, quale opera strategica per lo sviluppo e la messa in sicurezza del territorio.

 

 

Continua a leggere altre notizie su
Alcara Li Fusi