98zero

Uscita dal coma a seguito di un’emorragia cerebrale, cinque mesi dopo partorisce al Papardo.

Messina – La ragazza ha dato alla luce un bambino appena cinque mesi dopo essere finita in coma per un’estesa emorragia cerebrale, entrambi stanno bene e sono ritornati a casa.

C’è chi grida al miracolo, altri parlano di un caso di buona sanità, elogiando la straordinaria efficienza dei medici, che in stretta sinergia hanno salvato la vita della donna incinta, consentendole di portare a termine la gravidanza. All’ospedale Papardo la donna colpita da emorragia cerebrale e successivamente finita in coma, è ritornata infatti nei giorni scorsi per dare alla luce il suo primogenito. Proprio cinque mesi fa la giovane era stata trasportata al nosocomio con un’emorragia celebrale in corso ed i medici avevano riscontrato una situazione gravissima. La ragazza, pertanto, era stata trasferita al Policlinico, dove era stata sottoposta ad un delicatissimo intervento chirurgico dall’equipe di Neurochirurgia diretta dal professore Salvatore Massimiliano Cardali. Si temeva per la vita della mamma e del piccolo che portava in grembo.

Dopo un lungo periodo di ricovero e una non semplice riabilitazione la giovane, poco più che ventenne, ce l’ha fatta, alcuni giorni fa è tornata all’ospedale Papardo, dove ha partorito con un taglio cesareo un bambino. A permettere alla giovane di partorire sono stati i medici del Papardo e della struttura universitaria messinese. “Tutti noi – scrive sul proprio profilo Facebook uno degli anestesisti che ha curato la neo mamma – tememmo e pregammo per la vita della ragazza e del bambino”. La competenza e la professionalità dei sanitari hanno permesso alla puerpera di partorire serenamente. Tanta gioia e commozione si è registrata nel reparto di Ginecologia e Ostetricia del Papardo, poiché a nascere è stato un bimbo speciale generato da una mamma speciale. “Speciale” perché la sua mamma, cinque mesi fa, quindi durante la gravidanza,  è stata colpita da un’emorragia celebrale che l’aveva ridotta in coma. Il piccolino, divenuto la “mascotte” del nosocomio messinese è nato esattamente lo scorso 28 gennaio.

Continua a leggere altre notizie su
Messina
Invia una Segnalazione