98zero

Che fine hanno fatto le reti wi-fi libere in città? Intervento di #Noicisiamo

Barcellona – Qual è lo stato delle cose relativamente alle zone wi-fi free in città e, in particolare ai Giardini Oasi? E’ questo il quesito del gruppo #Noicisiamo che ha presentato anche un’interrogazione consiliare tramite Salvatore Imbesi.

“Il gruppo #Noicisiamo  – si legge in una nota stampa – ritiene doveroso porre l’attenzione su un progetto che, anni addietro, era stato portato avanti dal Comune di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono passati diversi anni da quando, nel lontano 2013, si cominciò a parlare di una rete hotspot e di Totem da collocare ai Giardini Oasi di Barcellona Pozzo di Gotto. Nel 2015 fu assegnato l’appalto comprendente la realizzazione di tre totem infotelematici, nuovo sito internet e connessione wi-fi gratuita. Tutto approvato dagli uffici SUAP del Comune, come riportano anche gli organi di stampa online nei loro archivi. Si disse che, entro qualche settimana, i barcellonesi avrebbero usufruito di connessione wi-fi gratuita. Nel 2016, l’Amministrazione Comunale comunicò l’attivazione del servizio wi-fi gratuito in tre zone della città. Il progetto, inizialmente affidato al Ced, passò poi nelle mani della segreteria dell’assessore al ramo e, per i totem, al SUAP”.

Quindi, l’affondo: “Oggi riteniamo che i cittadini debbano essere informati su come funziona (se funziona) il servizio e su come eventualmente poterne usufruire. A nostro avviso, sarebbe stata più utile un’adeguata pianificazione e una più puntuale comunicazione. Ci risulta, infatti, che il servizio non sia dei più efficienti e che i totem ai Giardini Oasi non siano funzionanti. Riteniamo che questa tecnologia possa rivelarsi parecchio utile anche sul piano sociale, alla luce del tasso di disoccupazione per il quale tante famiglie non possono permettersi di usufruire di una linea telefonica fissa e conseguentemente di wi fi nelle loro abitazioni. Il servizio potrebbe rivelarsi utilissimo anche per i tanti giovani della nostra città che non possono disporre, appunto, di una linea internet e che, in questo modo, potrebbero ampliare il loro bagaglio di conoscenze.  Auspichiamo che l’Amministrazione Comunale possa fornire, nel più breve tempo possibile, le risposte necessarie alla cittadinanza in merito al servizio. E, qualora ci siano responsabilità su un eventuale mancato funzionamento dello stesso, che vengano accertate insieme ad eventuali danni economici per l’Ente”.

Continua a leggere altre notizie su
Barcellona
Invia una Segnalazione