98zero

Menengite a Brolo. Come comportarsi? Le linee guida dell’ASP di Messina

Brolo – In merito al caso di meningite segnalato su un bambino frequentante la collettività scolastica brolese, il personale del Dipartimento prevenzioni dell’Asp di Patti si è attivato dando le linee guida previste dal Ministero nei confronti dei contatti a rischio.

Così in sinergia con il sindaco di Brolo e con la responsabile del plesso scolastico locale sono stati individuati i contatti ad alto rischio per i quali è stata prevista l’esecuzione di chimioprofilassi.

Per contatti ad alto rischio, per i quali è prevista l’esecuzione di chemioprofilassi, sono da intendersi:

  • I conviventi del bambino – familiari e compagni di stanza o di classe;
  • Gli esposti a secrezioni del paziente (baci, condivisioni di postate, bicchieri, giocattoli, spazzolini), e per eventuali sanitari o personale medico che ha effettuato respirazione bocca a bocca o intubazione non protetta.
  • Contatti scolastici,  tutta la scuola se asili nido o scuole materne,  compagni e insegnanti della medesima classe se scuola elementare o superiore.
  • Soggetti che hanno soggiornato a lungo nell’abitazione del malato nei sette giorni precedenti l’esordio della malattia

Contatti a basso rischio, per i quali non è previsto alcun provvedimento sanitario nè alcuna profilassi, sono da intendersi:

  • Minori frequentanti la stessa scuola, elementari medie e superiori
  • Contatti indiretti – cioè i contatti di contatti ad alto rischio
  • Personale sanitario non esposto alle secrezioni orali del malato
  • Contatti casuali

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere al medico di famiglia, al pediatra, o direttamente dell’Uos Epidemiologia del Dipartimento di Prevenzione di Messina.

Continua a leggere altre notizie su
Brolo