98zero

Il commissario La Paglia fornisce garanzie al “Cutroni Zodda”. Amministrazione assente, è polemica

Barcellona  – Il Cutroni Zodda ha ricevuto la visita del nuovo commissario dell’Asp di Messina, Paolo La Paglia.

Ad accoglierlo il direttore Sanitario Domenico Sindoni e i responsabili delle unità operative. C’erano anche i deputati regionali Antonio Catalfamo e Pino Galluzzo, ma nessun rappresentante dell’amministrazione comunale. La Paglia ha girato i vari reparti, notando il grande lavoro svolto dal personale, malgrado l’organico ridotto e le varie difficoltà. Dal canto suo, il commissario dell’Asp ha rilevato come sia difficile reperire il personale che preferisce operare in città anziché in provincia. Il presidio ospedaliero barcellonese dovrebbe presto tornare autonomo nella gestione e ottenere anche un potenziamento con il ritorno di urologia e ortopedia. L’impressione è stata quella di grande disponibilità nei confronti della struttura, stando anche a quanto serpeggiava tra i responsabili delle unità operative. Presente anche la Fials con il segretario aziendale Aldo Lo Presti: “Auspichiamo che con la nuova rete ospedaliera l’ospedale di Barcellona abbia la piena autonomia e chiediamo al dott. La Paglia di impinguare il personale infermieristico e socio sanitario, oltre che ausiliario, in quanto ad oggi tutto il personale sanitario si è impegnato per fornire assistenza all’utenza malgrado le evidenti carenze di personale. E’ il momento di dare una svolta al destino del presidio di Barcellona con una pianta organica completa in ogni reparto”.

Non c’era nessuno, invece, a rappresentare istituzionalmente il Comune. Un aspetto che ha mandato su tutte le furie il gruppo politico #Noicisiamo che ha attaccato duramente l’Amministrazione Comunale con una nota a firma di Salvatore Coppolino e Salvatore Imbesi: “Il gruppo politico #Noicisiamo rileva, quasi con incredulità, la totale assenza di rappresentanti dell’Amministrazione Comunale di Barcellona Pozzo di Gotto e della maggioranza consiliare in occasione della visita del dott. Paolo La Paglia, commissario dell’Asp 5 di Messina, al presidio ospedaliero “Cutroni Zodda”. Il commissario dell’azienda Sanitaria Provinciale non ha trovato nessun rappresentante istituzionale cittadino ad accoglierlo, né tantomeno a chiedergli quali sono i progetti futuri per il nostro ospedale cittadino. Ringraziando i deputati regionali barcellonesi per la presenza e per il lavoro che stanno svolgendo all’ARS sul tema sanità, purtroppo oggi ci tocca mettere in risalto che evidentemente l’Amministrazione Comunale sembra rassegnata sulla questione “Cutroni Zodda”. Oggi sarebbe stata l’occasione giusta per rivendicare il diritto alla salute di tutto il territorio e ribadire la necessità che il nostro presidio ospedaliero torni autonomo. Di far presente come un malato oncologico sia costretto a raggiungere addirittura Taormina per curarsi o di come, per un ricovero in urologia, sia necessario arrivare a Messina o Cefalù. Se, negli altri ospedali visitati in provincia di Messina, il dott. La Paglia oggi ha trovato ad attenderlo sindaci e assessori, a Barcellona Pozzo di Gotto, purtroppo, non è stato così”.

 

Continua a leggere altre notizie su
Barcellona