98zero

Si conclude un magico tour per “La Stella da Seguire”, il docufilm ricco di sicilianità

Sant’Angelo di Brolo – Si è svolta nel paesello che ha dato i natali ai protagonisti del docufilm “La Stella da Seguire” la penultima tappa della sua proiezione, durante la serata di sabato 5 gennaio scorso, a partire dalle ore 18:00.

Il proprietario del ristorante Unni Don Nino-Bar Osteria ha messo a disposizione i propri locali per la realizzazione dell’evento che ha riscontrato successo e numerosi partecipanti. Tra i presenti, ospite d’eccezione è stato l’attore principale del film, Basilio Gorgone. Si tratta di un uomo di Sant’Angelo di Brolo, che abita in una contrada denominata Lunella, zona immersa in un paesaggio suggestivo tra le colline a picco sul mare. Vive lì da molto tempo, insieme alla moglie e compagna di vita Rosina, i suoi gatti e i suoi cani, che sono per i due coniugi una parte integrante del nucleo familiare. Appassionato di presepi e di simboli natalizi, è un personaggio anche molto devoto e religioso.“Mi occupo di presepi sin da quando avevo 5 anni, sono stati sempre la mia passione”, queste le parole di Basilio. Prosegue l’intervista dicendo: “è la fede in Dio che mi accompagna per riproporre ogni anno il mio Presepe e io non la posso tradire”.

Un racconto di Natale che appunto parla di lui, della moglie Rosina, del rito che compie puntualmente per realizzare il suo amato Presepe che racchiude in sé tanta passione, amore e fede religiosa. Viene evidenziata la minuziosa fase preparatoria dell’insieme, portata avanti da Basilio, un accordo di situazioni che hanno permesso la nascita del docufilm, realizzato e diretto da Calogero Ricciardello, con la collaborazione di Plact-On  Il regista insieme al protagonista ha trascorso circa una settimana, riprendendolo passo passo nel silenzio della sua quotidianità e intimità.

Parte integrante di un più ampio progetto, Sicilian Moments, che indaga in modo realista tradizioni, cultura e identità siciliana, tutto ciò ha dato vita ad un vero e proprio tour, che Calogero ha iniziato il 23 dicembre 2018 a Lunella, presso l’abitazione di Gorgone, riproducendo un’anteprima del film. Un percorso che è proseguito poi facendo sosta in vari paesi del comprensorio nebroideo e si è concluso, infine, durante la serata del 6 gennaio 2019 in località Lacco, con la proiezione del docufilm dentro la Chiesetta della stessa contrada del Comune di Brolo. Tante le emozioni e i sentimenti trasmessi dal filmato a coloro i quali lo hanno visto e che hanno regalato soddisfazione per il lavoro svolto al giovane regista Calogero Ricciardello.

Continua a leggere altre notizie su
Sant'Angelo di Brolo