98zero

L’incendio al Mai Tai bar di Rodia, indagini in corso: nessuna ipotesi esclusa

Messina – Non è ancora chiaro cosa o chi abbia causato l’incendio del Mai Tai.

Il ritrovo sul lungo mare di Rodia andando verso Marmora che la notte tra sabato e domenica è andato in fiamme. Un rogo, divampato poco prima dell’una di notte, che ha distrutto le strutture esterne del locale e quanto in esse conservato. Frigorifero, televisore, divanetti e arredi che in estate caratterizzavano il locale, punto di ritrovo per i vacanzieri dei villaggi a nord di Messina. Le fiamme sono divampate in piena notte. A capire cosa stava succedendo sono stati alcuni vicini di casa che hanno chiamato i vigili del fuoco. Il locale ha chiuso i battenti a settembre e nessuno per fortuna si trovava la suo interno. Immediato l’arrivo dei vigili del fuoco che hanno domato le fiamme. Ma il fuoco aveva già compiuto la sua devastazione. I pompieri  sono intervenuti con diverse autobotti e hanno dovuto lavorare per un’ora e mezza prima di spegnere il rogo. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della compagnia centro che hanno avviato le indagini per capire le cause del rogo. Da alcune indiscrezioni pare che non siano state trovate tracce di liquido infiammabile. Si prova a valutare se possa essere stato un cortocircuito a innescare l’incendio. L’impianto elettrico è rimasto in funzione nonostante la chiusura invernale del locale Sentiti dai carabinieri i proprietari avrebbero negato di aver ricevuto minacce o avvertimenti.

Continua a leggere altre notizie su
Messina