98zero

Consiglio Comunale approva Regolamenti per i finanziamenti regionali e la pubblicità

Mirto – Il Consiglio Comunale mirtese, riunitosi in Sessione urgente Mercoledì 28 Novembre 2018, ha approvato i Regolamenti per la destinazione dei finanziamenti regionali, e per l’applicazione dell’imposta sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, e la variazione di Bilancio dell’esercizio finanziario 2018/2020.

Le proposte dei Regolamenti e della variazione al Bilancio di previsione sono state approvate all’unanimità dagli 8 Consiglieri presenti (5 di maggioranza e 3 di minoranza) sui 12 componenti effettivi.

Il Regolamento per la destinazione dei finanziamenti regionali segue l’articolo 6 comma 1 della Legge regionale n. 5/2014 “Democrazia Partecipata”, che prevede l’obbligo per i Comuni di destinare almeno il 2% dei trasferimenti regionali di parte corrente con forme di democrazia partecipata, ovvero utilizzando strumenti che coinvolgano la cittadinanza per la scelta di azioni di interesse comunale. Questo importante Regolamento è costituito da 7 articoli, che riguardano la definizione e l’ambito di applicazione, il diritto di partecipazione, la presentazione di idee progettuali, le aree tematiche, la verifica e la valutazione, il documento di partecipazione, il monitoraggio e la verifica. Su questo argomento all’ordine del giorno è intervenuto il Sindaco di Mirto Maurizio Zingales, il quale ha evidenziato che i fondi di democrazia partecipata sono stati sempre utilizzati nelle attività sociali.

Il Regolamento per l’imposta sulla pubblicità e le pubbliche affissioni entrerà in vigore il 1 Gennaio 2019 ed è stato illustrato, nell’Adunanza Consiliare, dal Presidente del Consiglio Andrea Raffiti. Hanno espresso il proprio parere sulla proposta in oggetto anche i Consiglieri Armando Percacciolo e Lorenzo Cassarà. Il Consigliere Percacciolo ha fatto notare che è assolutamente necessario verificare e incamerare le somme dovute per pubblicità e pubbliche affissioni, mentre il Consigliere Cassarà ha sottolineato l’importanza di effettuare controlli sulle insegne già esistenti, in modo da considerare sia l’impatto ambientale dei pannelli presenti nel territorio che i pagamenti. Questo prospetto, che si riferisce alla pubblicità, si compone di 27 articoli, suddivisi in 7 capi che si basano su: disposizioni generali, imposta sulla pubblicità (tariffe in genere, pubblicità ordinaria e modalità di commisurazione, pubblicità effettuata con veicoli o con pannelli luminosi e proiezioni, riduzioni ed esenzioni dell’imposta), modalità per il rilascio delle autorizzazioni (disciplinare di concessione e canone), diritto sulle pubbliche affissioni, sanzioni (sanzioni tributarie ed interessi, sanzioni amministrative), modalità di liquidazione del tributo e disposizioni finali.

Le variazioni al Bilancio di previsione sono state messe in evidenza dalla Responsabile dell’Area economico-finanziaria Dott.ssa Marisa Raffiti, la quale ha spiegato che vengono modificati il credito IVA e i finanziamenti ottenuti dall’ente. Nello specifico le variazioni riguardano i fondi per biblioteche e attività culturali, le anticipazioni di tesoreria per l’anno 2018, il contributo regionale per rimborso trasporti degli alunni, i trasferimenti della Regione per il finanziamento dei cantieri di lavori, spese per il sollevamento acqua, spese postali e telefoniche.

Il civico consesso ha inoltre discusso il riconoscimento di un debito fuori Bilancio, per l’esecuzione dei lavori (effettuati nel 2014) di riparazione di un tratto di rete idrica lungo il torrente Tiberio. Il debito da pagare, proposta che è stata accettata all’unanimità dagli 8 Consiglieri, ammonta a 14.751 euro, per il costo del lavoro di somma urgenza in materia di igiene e sanità nella suddetta rete idrica. La cifra dovrà essere versata alla ditta “Idromeccanica”, che aveva riparato il tratto della rete idrica ai tempi del guasto.

Continua a leggere altre notizie su
Mirto