98zero

Differenziata, scattano i primi controlli. Emanate disposizioni anche per i commercianti

Patti – Segnali tutto sommato positivi per il nuovo servizio di differenziata porta a porta, anche se non mancano i furbetti. Intanto il Comune ha diffuso il primo vademecum per gli esercizi commerciali.

Senso di responsabilità e collaborazione era ciò che il sindaco Aquino aveva chiesto ai pattesi qualche giorno prima dell’avvio in città del nuovo servizio di raccolta differenziata “porta a porta”. Ma i timori della vigilia non sono stati per nulla sfatati: nel popoloso quartiere di San Giovanni diversi sacchetti di spazzatura indifferenziata sono stati ritrovati dai vigili urbani nello stesso punto in cui il giorno prima erano stati rimossi i cassonetti stradali. «Qualcuno – è il commento del primo cittadino – ha già fatto il furbo, ma abbiamo subito fatto partire i controlli e a breve verranno elevate le relative sanzioni. È chiaro – ha aggiunto Aquino – che non si è trattato di un errore, poiché i sacchetti colmi di immondizia sono stati abbandonati esattamente nel punto in cui sino al giorno al prima si trovavano i cassonetti di raccolta».

Se il buon giorno si vede dal mattino, c’è da scommettere che abituarsi alle nuove regole sarà tutt’altro che una passeggiata. Tuttavia sono parecchi i segnali positivi che giungono dalle prime zone in cui è già partito il nuovo servizio di nettezza urbana: «A dispetto dei soliti incivili, sono moltissime le utenze – ha affermato il sindaco – che hanno già dimostrato una certa dimestichezza nel fare la differenziata».

Nel frattempo Palazzo dell’Aquila ha già reso note le disposizioni riservate alle attività commerciali. Gli esercenti dovranno tenere i contenitori all’interno dei propri locali ed esporli all’esterno solo negli orari previsti o se preventivamente autorizzati dall’amministrazione comunale. In quest’ultimo caso lo stato dei luoghi dovrà permettere di isolare uno spazio limitato all’allocazione dei bidoni, che dovranno essere debitamente occultati alla vista e mantenuti in condizioni di igiene e pulizia ottimali. Ulteriori disposizioni sono state emanate per i venditori ambulanti a posto fisso presso il mercato settimanale, i quali entro le 13 dovranno raggruppare e impilare le cassette di legno e conferire separatamente scarti organici/alimentari, imballaggi in plastica, carta, cartone e rifiuti indifferenziati. Anche gli ambulanti avranno l’obbligo di registrare una regolare utenza Tari e conferire i rifiuti presso il Centro comunale di raccolta di contrada Mulinello.

Ai trasgressori saranno elevate sanzioni da 100 a 3.000 euro, con importi raddoppiati in caso di abbandono di rifiuti pericolosi. Pugno di ferro anche nei confronti di albergatori ed esercenti di attività dedite alla  somministrazione di bevande e alimenti non iscritti al ruolo Tari: oltre alle sanzioni amministrative e alla sospensione del servizio, a loro si applicherà anche la sanzione di chiusura dell’esercizio per motivi di igiene.

Continua a leggere altre notizie su
Patti