98zero

Il passaggio a livello a Zappulla funziona, anzi… Un laser scansiona l’area e riapre le sbarre in caso di ostacoli rilevati

Torrenova – Il passaggio a livello di Contrada Zappulla è regolato da una nuova tecnologia che garantisce maggiore sicurezza al contrario di quanto sostenuto da cittadini e Sindaco su un possibile malfuzionamento.

Una antenna è stata posizionata tra le sbarre del passaggio a livello di Contrada Zappulla da Ferrovie dello Stato che scannerizza, grazie ad un laser, l’area compresa dei binari dopo la chiusura del transito all’avvicinarsi di un treno. Se lo scanner rivela un qualsiasi impedimento blocca il treno in arrivo con un segnale e alza nuovamente le sbarre per consentire all’ostacolo di poter liberare l’area. Una successiva scansione verifica che il passaggio sia definitivamente libero e, in caso di esito positivo, consente al treno di ripartire dopo aver riabbassato le sbarre.

Questo è quanto successo anche ieri. Il treno infatti è ripartito con circa undici minuti di ritardo. Il laser aveva riscontrato un ostacolo tra le due sbarre chiuse ed ha fermato il treno in avvicinamento riaprendo nuovamente le sbarre. Inoltre il 24 luglio scorso, dopo che un automobilista aveva abbattuto una delle quattro sbarre del passaggio a livello, si è ripetuta la stessa situazione con il treno in avvicinamento che è stato fermato e le sbarre, quelle rimaste intatte, riaperte, con l’unica differenza che, in quel caso specifico, sono anche intervenuti gli addetti di FS per regolare il traffico visto il danno alla struttura.

Ma l’aspetto forse più significativo della vicenda legata al passaggio a livello di Zappulla, che tanto clamore ha sollevato in queste ultime ore, è stato proprio l’arrivo degli ausiliari del traffico. Questi infatti si sono posizionati proprio nell’area scansionata dal laser causando diverse volte la riapertura delle sbarre ed il blocco di treni in transito.

Sono dovuto intervenire gli addetti di Ferrovie dello Stato per avvertire gli ausiliari dell’inconveniente che gli stessi stavano causando consentendo comunque la loro permanenza sul posto.

Sembra dunque risolto il malfuzionamento paventato dal Sindaco nella lettera di diffida a Ferrovie. Che poi malfunzionamento non era, anzi…

Continua a leggere altre notizie su
Torrenova
Invia una Segnalazione