98zero

A settembre differenziata su tutto il territorio comunale. Obiettivo: via i cassonetti dalle strade

Patti – Mentre riscuote successo l’iniziativa della differenziata in spiaggia, il sindaco Aquino annuncia importanti novità a partire da settembre.

Sul litorale pattese la raccolta differenziata si fa anche in spiaggia. L’ultima novità dell’estate 2018 riguarda proprio la gestione dei rifiuti, con la predisposizione di dieci mini isole ecologiche dislocate lungo le spiagge più frequentate da pattesi e turisti.  «Si tratta – ha spiegato il sindaco Mauro Aquino – di un ulteriore piccolo passo in direzione di una gestione virtuosa del servizio di nettezza urbana. La differenziata in spiaggia era stata prevista nel capitolato speciale dell’Aro per dare un segnale forte anche a chi, d’estate, frequenta giornalmente il nostro splendido litorale». Il servizio prevede 5 isole ecologiche a Patti Marina, 4 a Mongiove e 1 a Marinello. «Chiediamo a tutti i bagnanti – è la raccomandazione del primo cittadino – di effettuare una separazione attenta e di conferire i rifiuti nei cestini mantenendo le spiagge pulite».

Per restare in tema di rifiuti, la novità più importante sarà però introdotta a settembre, quando il servizio di raccolta differenziata porta a porta sarà finalmente attivato su tutto il territorio comunale, comprendendo, inoltre, non solo la frazione secca ma anche quella umida. Tutte le utenze verranno fornite di un kit comprendente una serie di secchielli per la raccolta sia di carta, plastica e vetro che della frazione organica e di quella indifferenziata. Tradotto: addio ai cassonetti lungo le strade cittadine, sia al centro che nelle frazioni. «Quindici giorni dopo l’attivazione del servizio, i cassonetti – ha annunciato il sindaco – spariranno definitivamente dalle strade. È chiaro che si andrà incontro ad un periodo di disorientamento, ma confidiamo nella buona volontà dei cittadini, i quali saranno adeguatamente istruiti tramite brochure, lettere che saranno recapitate ad ogni singola utenza tari e attraverso i social network. Dal canto nostro effettueremo gli opportuni controlli per prevenire ed eventualmente colpire comportamenti non conformi».

L’intenzione sarebbe di portare la differenziata al 65% entro il 31 dicembre, cercando di rispettare la nuova normativa regionale. Un altro obiettivo consisterà, invece, nell’introduzione della “Tarip”: una tariffa calcolata in base ai rifiuti effettivamente prodotti, a prescindere dalla metratura dell’abitazione. «Per questo – ha spiegato Aquino –  i contenitori saranno dotati di microchip che segnaleranno il numero di conferimenti effettuati dall’utenza». Tutti i dettagli saranno comunque resi noti in una conferenza stampa utile ad informare la cittadinanza su tempi e modalità d’introduzione del nuovo sistema di raccolta, cercando di ridurre al minimo disagi e disservizi. Attualmente la differenziata porta a porta riguarda solo la frazione secca ed è attiva esclusivamente al centro storico, nel quartiere San Giovanni, a Patti Marina, in via Agliastri e a Marinello.

Continua a leggere altre notizie su
Patti