98zero

La minoranza spiega perché abbandona aula sul voto risorse vincolate per il porto.

Sant’Agata Militello – Importante seduta consiliare questa mattina dove si è trattato anche il punto relativo alla proposta di delibera dell’”autorizzazione all’iscrizione in bilancio provvisorio 2018 delle risorse  vincolate  per la realizzazione dei lavoro del porto”.

Il gruppo di minoranza composto dai consiglieri Carmelo Sottile, Giuseppe Puleo, Melinda Recupero, Nunziatina Starvaggi e Monica Brancatelli hanno spiegato, tramite una nota, spiegano del perché hanno abbandonato l’aula al momento della votazione dell’importante punto.

Di seguito la dichiarazione di voto della minoranza consiliare di Sant’Agata Militello.

“Premesso che bisogna stigmatizzare l’assenza del sindaco e del vicesindaco in Consiglio Comunale data l’importanza della discussione della proposta di deliberazione n. 58 del 3.7.2018 avente ad oggetto  l’autorizzazione all’iscrizione in bilancio provvisorio 2018 delle risorse  vincolate  per la realizzazione dei lavoro del porto,  e chiarito definitivamente che dalla discussione in aula è emerso chiaramente che le problematiche per cui oggi è stato convocato il  consiglio comunale in via d’urgenza non derivano dalla mancata iscrizione  di che trattasi nel bilancio di previsione del bilancio 2017”

Tanto premesso, i sottoscritti consiglieri hanno dato lettura in aula della propria determinazione di voto in ordine alla proposta in oggetto.

“ – Visionata la proposta di deliberazione del Consiglio Comunale n. 58 del 03.07.2018;

– Non avendo ottenuto dagli uffici i chiarimenti richiesti in merito agli “autorevoli pareri” richiamati nella proposta di delibera;

– Ritenuto che sussistono dubbi in ordine alla legittimità della

proposta sotto il profilo della sussistenza dei presupposti di legge;

– Ritenuto che alla base della proposta in questione vi possa essere la volontà di dare copertura politica ad atti gestionali, che nella fattispecie non si ritiene possa essere di competenza del consiglio quanto piùttosto del Sindaco e/o della Giunta e sotto forma di atti di indirizzo e non certo autorizzativi;

– Ritenuto che l’Amministrazione Sottile, proprio in

relazione alle problematiche del porto, si è assunta tutte le

responsabilità necessarie alla prosecuzione dell’importante opera e ad evitare la perdita del relativo finanziamento, per cui non si comprende il disimpegno della nuova compagine amministrativa e la ragione per cui la stessa non si è orientata a risolvere il problema insorto velocizzando quanto più possibile l’approvazione del bilancio di previsione;

– Pertanto, si ritiene di dover stigmatizzare il tentativo di coinvolgere il Consiglio Comunale nella fattispecie in esame con la proposta deliberativa in parola;

– Tenuto conto che l’approvazione di una delibera che dovesse essere ritenuta illegittima, verrebbe a costituire una violazione di legge da cui potrebbe derivare responsabilità, anche patrimoniale;

– Ritenuto che l’approvazione della delibera de qua, potrebbe configurare una ipotesi di uso di fattispecie improprie e non tipicizzate, attesa la palese mancanza dei presupposti di cui alla norma richiamata, idonea a far configurare

l’ipotesi del reato previsto e punito dall’art. 323 c.p.;

Tanto premesso, in considerazione di quanto sopra esposto e ritenuto, i sottoscritti abbandonano l’aula per non partecipare alla votazione della proposta di delibera n. 58 di cui all’ordine del giorno.

Continua a leggere altre notizie su
Sant'Agata M.llo