98zero

Mutui fantasma, Germanà chiede a Salvini e Tria maggiori controlli affinché non si verifichi quanto già successo a Brolo

Roma – Un sistema di controlli nell’erogazione dei mutui che impedisca il ripetersi casi simili a quelli scoperto a Brolo: è quanto chiede con una interrogazione al Ministro dell’interno Salvini e dell’economia Tria, il deputato forzista di Brolo, Nino Germanà.

“Ho presentato un’interrogazione ai ministri dell’Interno e dell’Economia, Matteo Salvini e Giovanni Tria, per chiedere se non ritengano opportuno ed urgente verificare l’operato di Cdp sulle procedure per la formazione e l’esecuzione dei contratti di mutuo concessi al comune di Brolo, in provincia di Messina” lo annuncia, in una nota, Nino Germanà, deputato di Forza Italia.

“Secondo le indagini svolte dalla procura della Repubblica di Patti, Messina, infatti, la Cassa depositi e prestiti ha concesso tra il 2007 ed il 2011 vari mutui al Comune di Brolo le cui fasi istruttorie, deliberative e di erogazione delle somme sarebbero state gravemente viziate da mancati controlli da parte della stessa CdP, con documentazioni che appaiono irregolari, mancanti o viziate dal mancato rispetto delle procedure. Si tratta dei mutui, pari a un totale di 4,5 milioni di euro, destinati a opere da realizzare nel territorio comunale, che in taluni casi non sono state cantierate e i cui appalti non si sono concretizzati” spiega il deputato di FI.

“Quello che vogliamo sapere è se esista, da parte di Cdp, un sistema di controllo effettivo ed efficace che possa impedire o almeno contrastare l’erogazione di mutui basati su documenti di dubbia veridicità e se non si ritenga opportuno attuare dei meccanismi che possano arginare richieste di mutui non concretamente rivolte a finalità di pubblico interesse e dai quali possano derivare danni sia economici sia d’immagine per le comunità o gli enti coinvolti” ha concluso.