98zero

Aldo Sergio Leggio: “Ci vuole rivoluzione in giunta”.

Capo d’Orlando – Con una lettera aperta al Sindaco Franco Ingrillì ed ai consiglieri comunali l’intergruppo composto da Aldo Sergio Leggio, ex vicesindaco, Edda Triscari e Massimiliano Fardella, si dicono disponibili a collaborare per un reale rinnovamento all’interno dell’attuale amministrazione comunale.

Leggio scioglie la riserva e dichiara, insieme al suo intergruppo, che è necessario, al più presto, un totale rinnovamento della giunta. In effetti l’attuale situazione, dopo la conferenza stampa del Sindaco sui debiti del Comune, le dimissioni di Perrone e il comunicato stampa della Lista Orlandina non è proprio delle più limpide nonostante le parole del vice sindaco Paterniti e del capogruppo della Lista Orlandina Fabio Colombo. Prossimo importante banco di prova sarà l’approvazione del bilancio di previsione e non è detto che tutto fili liscio visti anche i movimenti all’interno delle commissioni consiliari di questi giorni, vedi quella bilancio, e la dichiarazione di Graziella Facciolà che al suo insediamento ha specificato di non aver deciso a quale gruppo ancora appartenere.

Di seguito la nota integrale dei consiglieri comunali Leggio, Fardella e Triscari.

“La condizione di instabilità politica, già appalesata nel passato recente con la nostra posizione al di fuori della maggioranza, si è aggravata in queste ultime settimane.

A noi sembra che, se non si operino opportuni  cambiamenti, si corre il rischio di percorrere una china, in modo irreversibile, che può portare a soluzioni estreme per l’ attuale Amministrazione Comunale, vanificando tutti quei risultati positivi fin qui raggiunti che hanno consentito a Capo d’Orlando di divenire punto di riferimento nella intera Sicilia.

Per tentare di  contrastare questo iter, appare a nostro giudizio, anche per senso di responsabilità verso la cittadinanza, indicare una nuova strada che determini un profondo cambiamento negli organi gestionali con la presenza  di uomini e donne che abbiano mostrato in modo chiaro ed inequivocabile nelle loro esperienze pubbliche o private di avere le doti necessarie per affrontare questa nuova sfida con l’umiltà che il momento richiede; nello stesso tempo va maturata una nuova visione della organizzazione amministrativa, per ridare slancio alla attività del nostro Comune, cercando di dare risposte positive alle aspettative dei nostri concittadini e tranquillizzando i nostri dipendenti sia quelli in organico che “i precari” completando il processo di stabilizzazione.

Alla luce di queste considerazioni, come intergruppo consiliare Orizzonte Orlandino e Città Futura , come già preannunziato al Sindaco in colloqui informali, siamo disponibili a partecipare a questo processo di rinnovamento; impegno questo che ci assumeremmo nell’interesse della città per evitare che il perdurare di tale instabilità ed incertezza politica portino all’immobilismo con gravi conseguenze negative e pesanti ripercussioni sia sull’economia del Paese che sull’immagine di Capo d’Orlando, che ha fatto di questo valore la sua forza vincente.

Convinti che questo nostro contributo venga raccolto dal Sindaco e dai gruppi consiliari per promuovere un dibattito da cui possa emergere la soluzione nell’interesse di Capo d’Orlando”.