98zero

Situazione debitoria del Comune di Capo d’Orlando. L’opposizione chiede convocazione consiglio comunale

Capo d’Orlando – I consiglieri comunali di minoranza Angiolella Bottaro, Sandro Gazia, Gaetano Gemmellaro, Salvatore Alessio Micale, Gaetano Sanfilippo Scimonella e Daniela Trifilò, hanno richiesto al presidente Carmelo Galipò la convocazione di un consiglio comunale per trattare l’argomento che in questi giorni ha animato il dibattito politico orlandino relativo all’Esame e valutazioni sulla reale e documentata situazione debitoria dell’Ente.

Di seguito la richiesta inoltrata al presidente del consiglio comunale Galipò dai consiglieri di opposizione.

premesso che:

– in data 20/06/2018, con protocollo n° 17676, è stata inoltrata al Signor Sindaco una “interrogazione urgente su acquisizione di beni e servizi ed esposizione debitoria del Comune”;

– ai sensi dell’art. 27, comma 4, Regolamento per la disciplina delle adunanze e del funzionamento del Consiglio comunale e dei diritti e doveri dei Consiglieri e del Presidente, la risposta deve pervenire entro cinque giorni;

considerato che:

in data 02/07/2018, con protocollo n° 19184 è stata inoltrata attraverso il Presidente del Consiglio nota di sollecito al Sindaco affinché riscontrasse nell’immediato l’interrogazione urgente di cui sopra;

– ad oggi, alcuna risposta è pervenuta agli interroganti;

– risulta imprescindibile disporre dei dati richiesti prima di esprimere una serena e circostanziata valutazione sul Bilancio di previsione 2018/2020, anche alla luce dei pesanti rilievi mossi dalla Corte dei conti – Sezione di controllo per la Regione siciliana sui bilanci consuntivi 2015 e 2016 e del bilancio di previsione 2016/2018,

quanto sopra premesso e considerato,

ai sensi dell’art. 14 Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale (“Avviso di convocazione – 1) La convocazione del C.C. è disposta dal Presidente su determinazione dello stesso o su richiesta del Sindaco o di un quinto dei Consiglieri), 6) L’adunanza deve avere luogo entro venti giorni dal ricevimento della richiesta”),

chiedono

la convocazione del Consiglio comunale con all’ordine del giorno il seguente argomento:

“Esame e valutazioni sulla reale e documentata situazione debitoria dell’Ente – determinazioni”.