98zero

Telecamere sul territorio comunale, approvato il progetto: ecco le zone “sensibili”

Patti – Nell’ambito del “Patto per l’attuazione della Sicurezza Urbana” la giunta ha approvato  il progetto che prevede l’installazione di telecamere sul territorio comunale.

A due mesi esatti dalla sottoscrizione in prefettura del “Patto per l’attuazione della Sicurezza Urbana” tra il prefetto Maria Carmela Librizzi e il sindaco Mauro Aquino, la giunta municipale ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per un importo di 128.280 euro. Si tratta di un atto propedeutico all’accesso al finanziamento e che impegna l’amministrazione ad iscrivere a bilancio le somme occorrenti ad assicurare la corretta manutenzione degli impianti e delle apparecchiature tecniche dei sistemi di videosorveglianza da realizzare, fino ad un massimo di 5 anni dalla data di ultimazione degli interventi. Il Comune, inoltre, parteciperà alle spese di installazione delle telecamere sul territorio comunale attraverso una quota di cofinanziamento pari al 10% dell’importo complessivo (12.280 euro).

Già individuate, in linea di massima, le aree del territorio cittadino da sottoporre a videosorveglianza, grazie anche ad un lavoro sinergico svolto con le locali forze di polizia. Nella “mappa” dei luoghi più sensibili in cui installare gli occhi elettronici figurano i caselli autostradali, la via Papa Giovanni XXIII, la via Cristoforo Colombo e l’incrocio tra via San Giovanni e Case Nuove Russo. A monte, invece, è stato individuato l’incrocio tra la via Pertini e contrada Croce Segreto. Tra le aree prese in considerazione ci sono anche le piazze Marconi e Sciacca, il lungomare Filippo Zuccarello e la frazione turistica di Tindari, soprattutto per ragioni di ordine pubblico in occasione di feste o eventi religiosi e per prevenire episodi di vandalismo.

Nell’elenco dei luoghi sensibili spazio anche ad alcune aree dove si è spesso verificato l’accumulo indiscriminato di rifiuti e la conseguente proliferazione di micro discariche a cielo aperto. Il progetto approvato dalla giunta municipale andrà presentato entro il 30 giugno. Gli obiettivi che si cercheranno di perseguire in seno al “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana” consistono nella prevenzione di attività illegali e predatorie, compreso il contrasto a fenomeni di turbamento come criminalità, vandalismo o diffusione di discariche sul territorio municipale. Il programma nazionale prevede fondi complessivi per 37 milioni di euro a valere sul triennio 2017/19, da utilizzare sia per la predisposizione di servizi o interventi di prossimità che per l’installazione di telecamere.

Continua a leggere altre notizie su
Patti