98zero

I Nebrodi. La Sanità in un’area disagiata: luci e ombre. Il progetto Trinacria.

Patti – L’incontro è stato voluto dall’Assemblea Territoriale Pattese di Cittadinanzattiva e del Tribunale del Malato, coordinati rispettivamente dai dottori Pietro Materia e Pia Cappotto. Presso la Sala Infermieri dell’Ospedale Barone Romeo, sono sopraggiunti operatori sanitari, autorità istituzionali e, purtroppo, soltanto due sindaci  (Patti e Floresta) dei 38 Comuni invitati dei Distretti Sanitari D29, D30 e D31 (da Patti a Mistretta).

Il convegno-dibattito vantava, del resto, presenze di importante riferimento, primo fra tutti Tonino Aceti, Coordinatore Nazionale del Tribunale del Malato, che ha potuto accendere la riflessione sui necessari – ed urgenti – provvedimenti da attuare per garantire il Diritto alla Salute.

In Italia la Sanità ha tre velocità: nord, centro e sud. Quest’ultimo risulta essere l’ingranaggio più inceppato, con la Sicilia al 19ᵒ posto su 20 per speranza di vita, pur trattandosi della Regione più dispendiosa.

Va da sé quanto sia necessario intervenire, ciò grazie alla forza di una democrazia partecipata. La “cultura del pensiero breve” che contraddistingue i nostri tempi, quella che non lascia spazio ad interessi che vadano al di là del proprio naso, di certo non favorisce cambiamenti virtuosi.

In tal senso Cittadinanzattiva – coi suoi 135 iscritti nel solo territorio pattese fra medici, tecnici, avvocati, magistrati, casalinghe e imprenditori – pone il suo primo obiettivo: sensibilizzare la comunità al senso civico. Parallelamente con il Tribunale del Malato, poi, il grande lavoro di tramite con le Istituzioni affrontando, troppo spesso, burocrazia e politiche viziate.

Al Nord il 70,3% esprime soddisfazione per i servizi sanitari, al Sud il 73% esprime insoddisfazione. Una corsa di recupero che non potrà essere affrontata tutta d’un fiato, ma che di certo può prendere passo.

Il progetto Trinacria ha proprio questo obiettivo, essendo destinato alle zone disagiate, quelle montane e insulari. La telemedicina può – e deve – sopperire a un’erogazione di servizi, cura e assistenza, diversamente carenti. Una collaborazione in differita e uno scambio di informazioni repentino significherebbero aumentare la speranza di vita. Di tutto ciò ha minuziosamente relazionato il dottor Concetto Trifilò.

Di pari passo fondamentale è il riequilibrio della Rete Ospedaliera Provinciale, per cui è intervenuto il Coordinatore dell’Assemblea Territoriale di Barcellona P.G., il dottor Franco Bonavita.

Argomenti di certo interesse generale, motivo per cui Cittadinanzattiva si dice pronta non solo a segnalare i diritti violati, ma a puntare l’indice su chi non onora i propri doveri.